AMA music

SENZA MUSICA LA VITA SAREBBE UN ERRORE Friedrich Nietzsche

Martedì Novembre 29, 2022
Home  //  Martina Bernareggi
Martina Bernareggi

Martina Bernareggi

Durante gli anni dell'università inizia a lavorare presso una testata locale continuando l'attività giornalistica in ambito musicale e  sportivo come freelance.
Iscritta all'ordine dal 2007 crea il progetto AMA music per dar voce alle realtà locali o parlare dei grandi nomi con il gusto e l'approfondimento che difficilmente si trovano nel web.

Lunedì, 07 Settembre 2009 00:00

Il MiTo dei Diavoli

PAOLO FRESU DEVIL QUARTET

 

www.paolofresu.it

Luogo: Villa Simonetta, Milano
Data: 7 settembre 2009
Evento: MiTo
Voto: 9

Così è scritto: l’inferno è nato per mano di un angelo, un angelo trasformatosi in diavolo. E’ quindi lecito pensare che la naturale evoluzione dell’Angel’s Quartet, storica formazione capitanata da Paolo Fresu, sia il Devil Quartet: «dopo gli angeli non potevano mancare i diavoli» afferma il trombettista di Berchidda, riferendosi ai suoi tre compagni “infernali”, Stefano Bagnoli, Bebo Fera e Paolino Dalla Porta.

Il quartetto viene presentato dallo stesso Fresu come un gruppo molto circolare in cui non c’è un vero e proprio ruolo. Di fatto, le personalità sul palcoscenico non sembrano adatte ad interpretare una parte marginale ed è per questo che il dialogo tra di loro si fa così interessante. Nell’introdurre concerto e progetto, Fresu risponde ad una domanda sul ruolo che ha per lui l’ascolto e lo studio dei grandi jazzisti del passato: «Vengo dalla scuola di Davis e Backer» afferma «la tradizione è per me un pilastro imprescindibile. Loro mi hanno insegnato la filosofia delle note, anche di quelle sbagliate, suonate al momento giusto”.
Ed è proprio la filosofia delle note a prendere corpo, alcuni istanti dopo il discorso introduttivo, con Another Road To Timbuctù: un’esplosione di suoni, effetti e sensazioni, un continuo dialogo tra le distorsioni lisergiche della chitarra di Bebo Ferra e il flicorno di Fresu, mentre il contrabbasso si diverte a seguire e imitare le note degli assoli. Atmosfera totalmente diversa si crea sull’apertura di Mimì, onirica composizione di Paolino Dalla Porta: gli effetti del flicorno e l’archetto sulle corde del contrabbasso si fondono preparando l’avvio morbido del brano, le spazzole di Bagnoli completano l’esperienza sognante che si estingue nell’assolo pizzicato di contrabbasso fino quasi a spegnersi. Il tutto prepara il terreno per l’esplosione sonora al momento del rientro degli altri strumentisti, scroscio di applausi sulle squillanti note del flicorno cui è anche affidata la chiusura del brano in respirazione circolare.

Game 7, ancora Paolino Dalla Porta, inizia col ritmo tribale delle spazzole sulle pelli senza cordiera e continua con l’ingresso all’unisono di tutti altri strumenti. Un lungo assolo di chitarra con distorsioni roccheggianti porta il brano verso il medley con il successivo Elogio del discount, brano velocissimo che diverte sia i musicisti che un pubblico in estasi. Cambio di registro con la successiva Giovedì, sinuosa ballata di Bebo Ferra resa ancora più sensuale dalla tromba sordinata di Fresu; completano in quadro l’archetto di Dalla Porta e il fruscio finale delle spazzole di Bagnoli agitate accanto al microfono.

Un picchiettio insolito cattura a questo punto l’attenzione del pubblico, il suono delle dita che percuotono flicorno, corde del contrabbasso e chitarra dichiarano l’inconfondibile inizio di Moto perpetuo. Brano composto da Fresu per il documentario Percorsi di Pace del regista Ferdinando Vicentini Orgnani è caratterizzato da uno spettacolare gioco di effetti sul suono del flicorno e rimandi ad atmosfere mediorientali.

Il concerto si chiude con una sorta di rituale che tocca a tutti i «papà-jazz». Fresu, dopo aver passato parecchi anni a suonare le ninna-nanne dedicate ai figli degli altri musicisti, vuole ora la sua parte, essendo sul palco il papà più recente, e introduce, scherzando con la sua solita (auto)ironia sull’originalità dei titoli, le due ballate Ninna nanna per Andrea, eseguita alla tromba sordinata, e Inno alla vita, esempi eclatanti della metodicità di cui Paolo Fresu è capace.

Lunedì, 20 Aprile 2009 00:00

Quando Psiche smette di cercare Amore

PAOLO CONTE

www.paoloconte.it

Luogo: Teatro A. Ponchielli, Cremona
Data: 20 aprile 2009
Evento: Tour 2009
Voto: 7

Il Teatro Ponchielli con la sua raccolta atmosfera d’antan ha qualcosa di contiano insito nel suo stesso spazio: la suggestione di uno sguardo dal loggione alla platea, unita all’impeccabile acustica, rende completa l’esperienza di un concerto di Paolo Conte.


Dietro al drappo di velluto rosso gli scudieri (come ama definirli lo stesso Conte) attendono l’arrivo loro cavaliere, un frettoloso signore con abito ton sur ton che dalle quinte è magneticamente attratto verso un pianoforte dall’aria vissuta. Quel cavaliere disincantato, ma pur sempre schivo, redini alla mano inizia a condurre la combriccola partendo, come di dovere, da Psiche, suo ultimo album: Il quadrato e il cerchio è il brano prescelto. Il pubblico, avido di vecchi successi, è presto accontentato con Sotto le stelle del jazz, Come di e Alle prese con una verde Milonga. La serie di classici è coronata dall’immancabile Bartali eseguita, come da copione live, con un particolare arrangiamento: l’inizio, lento e sofferto, è trascinato solo da voce e pianoforte fino al segnale del celeberrimo “zaz-zaraz-za”, che dà il via all’esplosione strumentale con clarinetto, bandeon, violino e marimba in prima linea. Come legato al pianoforte da un bisogno fisico, Conte si alza dallo sgabello e si porta al microfono accanto alla coda, ma la mano non perde mai il contatto con il suo strumento. La canzone che richiede la presenza eretta del cantautore è Bella di giorno, languido e melanconico lento in stile parigino incentrato su un tema già rodato; lo sguardo del personaggio-Conte che incontra quello della bella protagonista del brano serve da aggancio alla successiva Gioco d’azzardo: la situazione è simile, ma in un passato più audace e gagliardo. Dopo la presentazione di Max Pitzianti, che con scioltezza si destreggia tra tasti e ottoni, si passa a Gli impermeabili subito seguita da Lo zio, in cui la teatralità di Conte, di nuovo in piedi e perfettamente calato nel ruolo, raggiunge l’apice grazie anche alla gestualità paradossalmente elegante legata al rituale del kazoo. Il pezzo è il pretesto per una danza frenetica intavolata dall’archetto del violino e i quattro mazzuoli della marimba che, sapientemente manovrati da Di Gregorio, valgono a quest’ultimo un sincero quanto fragoroso riconoscimento da parte del pubblico. Ancora in piedi per la canzone che precede la pausa, il cantautore astigiano intona L’amore che calcando molto, forse esagerando, l’interpretazione canora, tanto che la smorfia di dolore sul verso finale (“Ma credo in te dolce nemica”) sembra quasi spiazzare il pubblico, che esita alcuni istanti prima dell’applauso di rito.

Silenziosa velocità, ovvero “l’elegia della bicicletta” (per citare l’autore) dà inizio alla seconda parte della performance. Secondo uno schema che ricalca quello dell’incipit, il brano estrapolato da Psiche è seguito dai tre fondamentali Madeleine, Dancing e Chiamami adesso fino ad arrivare al grande classico Genova per noi in cui è concesso alle sole dita del compositore accompagnare il cantato. Conte non rinuncia a ritagliarsi lo spazio di una lapidaria esibizione alla marimba prima di dare in pasto al pubblico l’attesissima Via con me, punteggiata dal pizzicato del barbuto violinista, Piergiorgio Rosso, capace di guadagnarsi durante la serata un ruolo da protagonista oltre allo sguardo ammirato di Conte. Una Berlino anni Cinquanta anticipa le atmosfere rarefatte di Max, con Jino Touche che abbandona nuovamente il contrabbasso per dedicarsi al basso elettrico. A chiudere la “trilogia della bicicletta” ecco Diavolo rosso, brano sempre molto intenso nella versione live, in cui i musicisti si alternano all’assolo su una serrata e costante base ritmica, sostenuta soprattutto dall’instancabile chitarrista Daniele dall'Omo, che si spreme fino all’ultima pennata. Sul finire del brano dall’effetto catartico, Conte alza gli occhi al cielo come attraversato da un’esperienza mistica e purificatrice prima di eseguire Eden, pezzo toccante dedicato al padre.

Si sa che la fastidiosa incombenza del bis è ineluttabile, quindi i musicisti usciti di scena ritornano ai loro posti sul ritmo latino di Cuanta pasión. La canonica versione live iper-velocizzata di Via con me scandisce il concludersi della serata e soddisfa il pubblico che può finalmente intonare “It’s wonderful, s-wonderful, s-wonderful...” prima di lasciare il teatro.

Nonostante l’uscita del nuovo album, nulla è stato aggiunto all’ingranaggio live perfettamente funzionante degli anni passati. Il timore è che una formula ormai consumata possa perdere di vigore, inficiando la buona riuscita della performance che, per quanto ineccepibile dal lato tecnico (i musicisti e polistrumentisti di cui si circonda Conte sono sempre impeccabili), rischia lentamente di perdere l’impatto iniziale. Per il momento ci godiamo il ricordo di uno spettacolo sempre emozionante, ma l’augurio è che una scintilla inattesa possa donare una rinnovata vitalità alle future esibizioni.

Lunedì, 05 Ottobre 2009 00:00

L'Hard Bop vola tra le immagini

MAURO BRUNINI JAZZ QUINTET

www.maurobrunini.com

Luogo: Art Blakey Jazz Club, Busto Arsizio (VA)
Data: 5 ottobre 2009
Evento: Fly Jazz - mostra fotografica
Voto: 6

Un appuntamento jazzistico importante per chi ami vivere questo genere di musica a 360°; un ensemble di cinque elementi unito ad una mostra fotografica; insomma, un’esperienza completa. all’Art Blakey Jazz club di Busto.


Sul palco è già schierato il quintetto capitanato da Mauro Bruni mentre tutto attorno, sulle pareti del locale, decine di altri musicisti sfilano immortalati negli scatti di Fiorenzo Pellegatta. Vibrano le prime note del tema di Johnny Comes Lately (Billy Strayhorn), sax e tromba si susseguono nell’assolo per poi intavolare un colorito dialogo con la batteria. Nessuno stacco nel passaggio ad A Nice Friend, composizione originale di Brunini che vede tutti i musicisti prendere la scena per il rituale assolo di introduzione: il compositore è alla tromba, Tullio Ricci al sax tenore, Michele Franzini al pianoforte, Roberto Mattei al contrabbasso e Nicola Stranieri alla batteria.

Dopo la presentazione degli interpreti e dei brani suonati fino a questo punto, è la volta di Daahoud (Clifford Brown) e della ballata di Freddie Hubbard Brigitte. Seguono quindi Moontrane di Woody Shaw, in cui è la batteria a rendersi protagonista dopo un vivace scambio con sax e tromba, e la latineggiante Stablemates di Benny Golson, mentre sulle pareti della stanza splendide istantanee di Stefano Bagnoli, Fabrizio Ottaviucci, Marco Zanoli, Fabrizio Bosso (solo per citarne alcuni) in atteggiamento meditativo sembrano vivere la musica suonata dal quintetto. Caratteristica degli scatti di Pellegatta, infatti, è saper cogliere l’espressione che dà adito all’introspezione dell’artista, ritratto non necessariamente nell’atto della mera esecuzione e neppure nel più esplosivo momento interpretativo, per quanto vi siano sicuramente importanti esemplari anche di questo genere nel suo archivio fotografico. Quello che fa la differenza, tuttavia, sono quelle immagini che catturano il musicista in atteggiamento contemplativo, quasi rapito da un’esperienza mistica. Mille parole faticano a rendere l’idea, vedere per credere!

Prima della pausa è il momento del blues Birdlike, ancora Freddie Hubbard, cui è dedicata anche la ripresa: sulle note di Tribute to Hubbard di Michele Franzini i musicisti tornano sulla scena a pieno regime. Second Line si inserisce come diretta conseguenza della precedente sia a livello sonoro che autoriale, mentre si cambia registro sulla successiva ballata You Go To My Head cui è affidata la chiusura ufficiale della performance.

A questo punto non può mancare il bis, la frizzante e articolata composizione di Brunini Fats & Curios: tromba e sassofono all’unisono corrono sul tema principale, mentre i fasci di luce degli scatti più sperimentali di Pellegatta, che ricordano a tratti la vivacità espressiva di Pollock, sembrano agitarsi a ritmo di jazz.

Martedì, 28 Luglio 2009 00:00

Più Revival che mai

John Fogerty

JOHN FOGERTY

www.johnfogerty.com

Luogo: Anfiteatro Camerini, Villa Contarini, Piazzola sul Brenta (PD)
Data: 28 luglio 2009
Evento: Piazzola Live Festival
Voto: 8

La facciata della Villa Contarini domina alla sinistra del palcoscenico. Tutti sono seduti. John Fogerty è dell’idea che il modo migliore per spezzare gli indugi sia irrompere con un brano del calibro di Hey Tonight: obiettivo centrato. Il suo inconfondibile timbro, la sua chitarra e un sound eccezionalmente seventy ci sbalzano in men che non si dica quanrant’anni indietro nel tempo, mentre l’autentica anima CCR lentamente si rivela. Il tempo di un saluto al pubblico e un apprezzamento per nostro Paese e Fogerty intona Run Through The Jungle seguita da Susy Q: più Creedence di così si muore. In quest’ultimo brano il vocalist e chitarrista si lascia andare ad un lungo assolo sulla sei corde per poi concludere con l’armonica a bocca. E’ chiaro che, almeno per questa serata, ha intenzione di non far mancare nulla al suo pubblico. Abbraccia quindi l’acustica, annuncia che il brano seguente ha alle spalle una lunga, lunga storia, fa vibrare le corde con qualche decisa pennata ed ecco la nostalgica ballata Who’ll Stop The Rain.
Fogerty si libera ora della giacca e sfoggia una camicia da perfetto cowboy californiano mentre corre avanti e indietro per il palco con un’energia e una solarità che farebbero invidia ad un ventenne (ricordiamo che l’ex CCR va ormai per i sessantacinque).

Il livello non cala mai, lo show è un crescendo che incredibilmente regge a pieno regime fino all’ultima nota. Ecco quindi il suono di una chitarra stoppata, “Cheke cheke cheke”, inconfondibile incipit di Lookin’ Out My Back Door che a canzone terminata Fogerty imita scherzosamente con la voce. Un altro lunghissimo assolo riempie la scena per diversi minuti prima che The Midnight Special prenda vita dalle corde vocali di Fogerty. Classico dopo classico è la volta di Cotton Field che questa volta è solo il pubblico ad intonare, seguita dalla tradizionale Big Train (From Memphis), terra di confine tra puro rock e country, in cui trova spazio un efficace assolo di violino. Non bisogna infatti dimenticare che alle spalle di Fogerty c’è una ben assortita schiera di musicisti e polistumentisti: un violinista (che all’occorrenza passa con disinvoltura a percussioni o chitarra), un “hammondista” (anch’egli alle prese con la chitarra, qualora il brano lo richieda), un batterista (il migliore del mondo, a detta di Fogerty...), un bassista e un chitarrista.
Da buon romantico Fogerty non si lascia sfuggire l’occasione di intonare un lento di epoca post CCR, The Joy Of My Life, scritto per la moglie Judy che, come lui stesso sottolinea, da 23 anni ha portato l’arcobaleno nella sua vita. Quindi è il momento dell’intramontabile Have You Ever Seen The Rain, la quintessenza della canzone rock come oggi la conosciamo, seguita della più selvaggia Keep On Chooglin infarcita da un’inaspettato assolo di Fogerty con tecnica tapping.

Il pubblico freme; se l’intento dei musicisti era riscaldare gli animi, ci sono riusciti anche fin troppo. Nella perfezione di un concerto così vivo, di una prestazione senza sbavature, l’unica nota stonata è la disposizione del pubblico e la gestione dello spazio attorno al palcoscenico: troppe sedie, troppe restrizioni per uno spettacolo che è, in questo caso più che mai, musica da ballare e da vivere assieme a chi la sta suonando. La zona transennata è così destinata ad essere presto espugnata e in pochi secondi un’orda di fan (tutto sommato molto composti) si riversa ordinatamente sotto il palcoscenico riempiendo ogni spazio lasciato libero dalle sedie. Il concerto prende ora una piega differente. Fogerty (che già in precedenza non aveva lesinato dimostrazioni di entusiasmo verso il pubblico) sembra a questo punto ancora più galvanizzato. Ripete alcuni classici già suonati e dà fondo a tutto lo storico repertorio CCR. Via una canzone, sotto l’altra, una brevissima pausa e poi ancora sulla scena per i bis. La conclusione è l’attesissima Proud Mary, il degno finale di due stupende ore di puro, verace, autentico rock ‘n’ roll.

Martedì, 07 Luglio 2009 00:00

L'artiglio deli U2 cattura San Siro

METALLICA

www.metallica.com

Luogo: Stadio Meazza - San Siro, Milano
Data: 7 luglio 2009
Evento: 360° Tour
Voto: 7

Per Paul David Hewson (in arte Bono Vox) è un ibrido a mezza strada tra una stazione spaziale e un fiore di cactus; per i quasi 80.000 di San Siro è una fabbrica di sogni pronta a mettersi in funzione. Ufficialmente The Claw (l’artiglio, appunto) è una struttura fantascientifica che ghermisce il palcoscenico permettendo la visione dello show a 360°, da cui il nome del Tour 2009 degli U2.
La luce naturale scolpisce ancora l’interno dello stadio quando Larry Mullen Jr. fa il suo ingresso e inizia a picchiare sulle pelli accompagnato dal boato del pubblico, boato che diventa assordante quando in scena entra Bono, alle spalle di The Edge e Adam Clayton. Breathe sembra creata apposta per l’apertura di un concerto, grazie ad un crescendo in cui gli strumenti fanno il loro ingresso uno alla volta come nel più classico degli intro. Segue No Line On The Horizon e sul mega schermo a 360° le riprese live dei musicisti lasciano spazio ad una serie di scie luminose che si deformano e sovrappongono. Tutti in piedi, batterista compreso, per Get On Your Boots seguita dall’ormai celebre singolo Magnificent.

Bono è in ottima forma, niente stecche, voce pulita, giacca di pelle e auricolari; da solo riesce a riempire sia l’immenso palcoscenico circolare, sia la pedana esterna (che delimita il pit), sia i ponti mobili che uniscono i due spazi della scena.
The Edge imbraccia ora la sua storica Gibson Explorer: è il segnale che preannuncia Beautiful Day, l’ultimo pezzo di recente fattura prima di due brani storici. Le prime note di chitarra delineano inequivocabilmente l’inizio di I Still Haven’t Found What I’m Looking For che sul finire si traforma in Stand By Me (John Lennon) intonata a gran voce da tutto il pubblico. Nella serata delle celebrazioni in diretta mondiale per l’ultimo addio Michael Jackson, Bono ricorda a suo modo il re del pop dedicandogli Angels of Harlem infarcita con un estratto di Don't Stop 'Til You Get Enough (di Michel Jackson appunto) nel bel mezzo del brano.

A questo punto le ritmate pennate della chitarra acustica scandiscono il motivo di Party Girl: Bono si china verso il pubblico, porge una mano ad una ragazza e la fa salire sul palcoscenico incitando tutti ad intonare un “tante-euguri” da dedicare alla signorina; si chiama Eve, è la bella figlia del leader degli U2 e sta brindando con bollicine davanti ad 80.000 spettatori.
Seguono In A Little While e Unknown Caller quest’ultima accompagnata da una scenografia organizzata dai ragazzi di U2 Place: gli spettatori del secondo anello rosso alzano fogli bianchi e rossi a formare la scritta 3:33, Bono se ne accorge, toglie gli occhiali per vedere meglio e ringrazia gli spalti (3:33 e un riferimento alla bibbia, Geremia 3:33 "Invocami, e io ti risponderò”, numero ricorrente e particolarmente significativo nella discografia degli U2). L’empatia tra Bono e il suo pubblico diventata tangibile, esempio di quel particolare rapporto che il cantante ha instaurato con i fan fin dagli esordi.
Il momento toccante è spezzato dal crescendo di Unforgettable Fire, City of Blinding Lights e l’esplosiva Vertigo. Il mega schermo, che fino a qualche istante prima si è deformato ed illuminato dando vita a giochi di luci e scenografie mozzafiato, ora mostra i volti in primo piano dei quattro musicisti che si muovono a tempo con uno stile molto “Pop” e fanno da sfondo alla versione dance-techno di I’ll Go Crazy If I Don’t Go Crazy Tonight in cui Clayton domina la scena a scapito di una prestazione vocale piuttosto scarsa di Bono. In contrapposizione al precedente brano sperimentale ecco che arriva (anche se non dall’inizio) la super rodata Sunday Bloody Sunday con tanto di scritte a caratteri arabi sullo schermo. Quindi i quattro irlandesi danno in pasto al pubblico Pride (In The Name of Love), altro attesissimo classico, e il pubblico non esita a dimostrare la propria riconoscenza intonando all’unanimità il celeberrimo “Oh-oh-oh-oh” del ritornello; il coro di 80.000 voci investe Bono che, con aria stupita e quasi incredula, si toglie l’auricolare per meglio ascoltare e farsi attraversare da tutta l’energia. Viene spontaneo chiedersi se ancora il suo animo possa essere scosso da una simile reazione del pubblico, oppure se la sua sia solo una ben costruita messa in scena...vogliamo credere nella prima ipotesi, se non altro per l’atteggiamento schietto e disinibito che Bono ha sempre dimostrato di avere con i fan e per l’ambientazione d’eccezione che è San Siro.

Come preannunciato Walk On è dedicata al premio Nobel Aung San Suu Kyi (dal sito degli U2 era possibile scaricare delle maschere con il suo volto da utilizzare per la scenografia della canzone): sulla pedana circolare sfilano delle persone con il volto coperto dall’immagine della donna ed infine lo stesso vocalist accosta l’immagine al suo viso. Bono lascia il canonico discorso sulla pace ad un video proiettato sul mega schermo e si prepara ad intonare il penultimo brano della scaletta pre-bis Where The Streets Have No Name,
Dopo aver sfoggiato occhiali di bulgari ed un rosario appeso al collo, Bono non si fa sfuggire l’occasione di prendere la parola per il rituale monologo politico. Neanche a dirlo, l’oggetto del discorso è Brlusconi: «Saprete che io e il vostro primo ministro» esordisce Bono «abbiamo avuto alcune divergenze per via di certe promesse che ha fatto e non ha mai mantenuto» afferma riferendosi al tema della povertà nel terzo mondo. Con uno stile che il migliore dei diplomatici gli invidierebbe, Bono continua: «Ma non è ancora troppo tardi per chiudere il capitolo, tra poco ci sarà il G8 e Berlusconi avrà l’occasione per recuperare - e conclude - Gli dedico One». Così, chitarra alla mano, Bono si appresta a chiudere lo show con uno dei lenti più celebri della musica contemporanea.

Neanche il tempo di rendersi conto che lo spettacolo sta volgendo al termine e Gli U2 tornano sul palco per i bis. Bono, avvolto da un giubbotto spaziale punteggiato da led rossi che disegnano scie di luce attraverso il fumo, intona Ultra Violet (Light My Way). l’immancabile With Or Without You è la scena dell’ennesimo coro unanime del pubblico, mentre il brano prescelto per chiudere definitivamente la serata è Moment Of Surrender, con The Edge che si destreggia tra tastiera e chitarra e Bono che stupisce per la tenuta vocale, arrivando in fondo alla performance con un timbro fresco e integro che, lungi dal dare segni di cedimento, ha regalato proprio sull’ultimo brano uno tra i migliori momenti canori della serata.

Martedì, 19 Maggio 2009 00:00

Il quartetto All Star illumina il Melo

QUARTETTO ALL STAR

 

Luogo: Il Melo, Gallarate (VA)
Data: 19 maggio 2009
Evento: Jazz Appeal
Voto: 8

Una rassegna riuscita quale è stata Jazz Appeal edizione 2008-2009 non poteva che avere un epilogo in grande stile: musicisti di altissimo livello ed ospiti a sorpresa sono passati davanti agli occhi di un pubblico quasi in adorazione, cullato da un'organizzazione che non ha mai lasciato a desiderare, specialmente nella persona del sig. Bellloni, le cui attente scelte hanno sicuramente fatto la differenza.


Diamo uno sguardo al cartellone prima che la musica inizi: Massimo d’Avola al sax tenore, Andrea Pozza al pianoforte, "Big” Luciano Milanese al contrabbasso e Stefano Bagonoli alla batteria; un quartetto all stars i cui soli nomi suonano come una garanzia.
Una battuta umoristica del presentatore accompagna l'entrata in scena di Bagnoli che immediatamente raccoglie e controbatte prima di accomodarsi alle pelli col fare di un turista in villegiatura, in realtà consapevole che di lì a poco avrebbe fatto vibrare a suo piacimento l'animo e le viscere dei presenti. Seguono Milanese, Pozza e D'Avola; non sono di molte parole i musicisti, l'unica voce che si udirà per la prossima ora sarà quella raffinata dei loro strumenti. Stefano "brushman" Bagnoli ha già in mano le sue spazzole, D'Avola scandisce il tempo ed ecco Speak Low, composizione originale di Kurt Weil seguita dal lento Let's Cool One di Thelonious Monk, in cui Milanese con lo charme di jazzman vissuto fa trasparire tutta la sua esperienza da un assolo ricco di passaggi che lasciano un velo di ammirazione sul volto dello stesso D'Avola. In Autumn Serenade all'apertura del sax segue la vellutata variazione di Pozza, mentre Bagnoli passa dalle spazzole alle bacchette (che, lasciate cadere dal batterista, toccano il suolo rispettando la metrica!) secondo uno schema che si ripresenta regolarmente e imprime ai brani un andamento del tutto personale e sempre coinvolgente. L'incalzare del ritmo indica che è arrivato il momento di Just In Time. Un gioco di sguardi tra i componenti dell'ensamble lascia presagire che la base ritmica stia tramando qualcosa alle spalle di del solista ed infatti alcuni istanti dopo tutti gli strumenti contemporanemente tacciono e l'intera scena è dominato note del saxofono (passaggio non corcordato preventivamente beanchè in passato fosse abitudine di D'Avola eseguire il brano il quel modo). Conclude la prima parte del concerto una composizione di D'Avola, Black Machine, in cui trova spazio un intenso assolo di batteria.

Al ritorno dalla una pausa piuttosto prolungata D'Avola non perde l'occasione per dimostrare la propria riconoscenza ed apprezzamento ad organizzazione e musicisti, un atteggiamento positivo e rimarchevole da cui le nuove leve avrebbero molto da imparare. Si ricomincia con Extemporaneous di Steve Grossman, amico e "compagno d'avventure" del sassofonista che ricorda piacevolmente alcune esperienze vissute assieme. Porta la firma di D'Avola la successiva Sonia che rispetta negli assoli la successione sax-pianoforte-contrabbasso e vede nel finale l'impiego delle mani nude dell'eclettico batterista. Il saxofono suona un tema in solitaria, il contrabbasso ne duplica ne note, il ritmo è spensierato, il brano Star Eyes: la performance è (apparentemente) chiusa da un finale frenetico dopo un movimentato botta e risposta tra D'Avola e Pozza.

Lungi dall'essere conclusa, la serata volge ora verso il gran finale. I più attenti avevano già notato tra il pubblico la presenza di Stefano Colnaghi e Giovanni Falzone che sono ora chiamati ad affiancare il solista sul palco. I tre partono all'unisono, ma qualcuno devia verso un tema diverso: «Scusate» irrompe D'Avola «era la stessa tonalità, stesso tempo...mi sono confuso!». Più che un errore definirei l'imperfezione come uno spiraglio da cui sbirciare la grandezza di ciò che sta dietro ad una performance come questa. «Vabbè, facciamo questa allora» continua Falzone. Il tempo di un respiro e Just Friends ha inizio. D'Avola lascia la scena e si aggira tra i tavoli passando da esecutore a fruitore mentre l'eccentrico trombettista si lascia andare ad un assolo che coinvolge e "sconvolge" il pubblico; quindi è il turno di Colnnaghi che anticipa con eleganza l’irruento rientro in scena di D’Avola.
Il pezzo designato per il secondo “bis” è un tiratissimo Cherokee, mentre il finale è affidato a Bye Bye Blackbird in cui la performance sopra le righe di Falzone, condita da urla e sgambettate durante un assolo concitatato, infuoca il pubblico prima che lasci la sala con un’aria decisamente divertita ed appagata.

Martedì, 24 Marzo 2009 00:00

4 modi per stupire

4 WAYS QUARTET

 

Luogo: Il Melo, Gallarate (VA)
Data: 24 marzo 2009
Evento: Jazz Appeal
Voto: 8

Accade a volte che la musica crei straordinarie alchimie; capita che un'esibizione dal vivo riesca a trascinare pubblico e musicisti oltre il limite di un godimento razionale; accade a volte di trovarsi al posto giusto nel momento giusto...con le persone giuste.


Il centro culturale Università del Melo ha ospitato, nell'ambito dell'iniziativa Jazz Appeal, un concerto che è stato a detta di molti dei presenti il più coinvolgente di tutta la stagione. I nomi dei musicisti facevano presagire che la serata sarebbe stata di alto livello, ma la reazione che si è innescata durante l'esibizione era difficile da immaginare anche per i più entusiasti. Il contesto ambientale ha sicuramente giocato la sua parte: l'atmosfera calda e familiare del Melo, l'accogliente sala con candele accese sui tavolini, crea la condizione in cui tutti noi ci auguriamo di gustare un concerto di musica jazz.

Fanno il loro ingresso i musicisti. Valerio della Fonte afferra il contrabbasso, Michele Salgarello si accomoda alle percussioni, Xavier Davis prende posto al pianoforte a coda; infine ecco Emanuele Cisi assieme ai suoi sax tenore e soprano. La "parola" è subito lasciata alle note di How Deep Is The Ocean (Irving Berlin) di cui il 4 Ways Quartet fa una ricca rivisitazione. Sui volti dei musicisti si dipinge immediatamente una certa soddisfazione e i sorrisi che si scambiano impiegano poco tempo a sciogliere il pubblico. Composizione originale di Della Fonte, Nevertheless diventa lo scenario di un sottile gioco di richiami e intese per i componenti della band che sembrano molto divertiti dai continui cambi di ritmica richiesti dal brano. Porta la stessa firma la successiva Beyond The Meadow, una ballad che vede per la prima volta Salgarello alle prese con le spazzole e ci regala un intenso assolo di contrabbasso dell'autore.
No Way, composizione di Emanuele Cisi tratta dall'album Urban Adventures, è il pretesto per un richiamo al nome della formazione, 4 Ways, ovvero quattro modi, quattro vie, che per caso si sono incrociate. E forse è stato proprio questo a rendere così viva ed emozionante la serata: quattro musicisti che si incontrano per la prima volta durante il pomeriggio e la sera dello stesso giorno si esibiscono rendendo partecipe il pubblico della loro esplorazione, dell'emozione della scoperta nel momento stesso in cui si conoscono e misurano l'un l'altro. Impensabile che un altro genere di musica possa avere la stessa potenzialità.
Chiude la prima parte del concerto The Dance Of Life, un vero e proprio inno alla vita, come afferma lo stesso Cisi.

La ripresa dopo la pausa è affidata ad un altro pezzo di Valerio della Fonte, Lisa's Attitude, seguito dalla composizione di Xavier Davis The Message in cui è il sax contralto ad intervallare le corpose improvvisazioni del pianista. Un classico, Pannonica di Thelonius Monk precede la conclusiva Song For Jolanda in cui il pathos cresce fino all'esaltazione dei musicisti e del pubblico in standing ovation. Il coinvolgimento del quartetto, perfettamente domato dai più esperti del mestiere, sì può dire che abbia quasi travolto il giovane batterista che sì è lasciato andare ad una performance a tratti esagitata, mancando forse ancora di quella sensibilità che è propria dei veterani.

Impossibile per il 4 Ways Quartet sfuggire al bis, richiesto a gran voce dal pubblico prima che la formazione potesse accennare il congedo. Senza esitazione Valerio, Emanuele, Xavier e Michele ripartono a pieno regime per il gran finale che tutti si aspettano. Pianoforte e saxofono danno vita ad una splendida conversazione che da dialogo diventa sfida: le note dei due strumenti si cercano, si rincorrono, poi si incontrano e si allineano tra il divertimento di interpreti e fruitori.

CLAUDIO FASOLI EMERALD QUARTET

www.claudiofasoli.com

 

Luogo: Camera del Lavoro, Milano
Data: 31 gennaio 2007
Evento: Presentazione dell'album Venice Inside
Voto: 8

Venice Inside, ultimo lavoro di Claudio Fasoli, che l'auditorium della Camera del Lavoro di Milano ospita il concerto dell'Emerald Quartet, attuale formazione del sassofonista veneziano.


Fasoli si immerge nelle acque di Venezia per cogliere le suggestioni trasmesse dalla città e ritrovare la propria infanzia: un tuffo nel passato, un ritorno alle origini tradotto in sensuali note jazz. Per usare un'immagine evocata dallo stesso compositore, Venezia è una città che poggia sulla luce: i riverberi dell'acqua portano ai nostri occhi una dimensione cromatica differente rispetto al resto del mondo. Sembra che questa dimensione unica e peculiare sia stata catturata e rielaborata da Fasoli che ci restituisce quelle emozioni "visive" con una musica caleidoscopica ed evocativa.

Come dimostrano i brani scelti per la presentazione dell'album, la titolazione di Venice Inside ha un ruolo ben preciso nel viaggio all'interno della città d'acqua, essendo addirittura legata alla toponomastica urbana. Il concerto (come anche Venice Inside) si apre infatti con Rioterà contrazione di rio terà, ovvero "canale interrato", elemento tipico della viabilità veneziana. Segue Kimpale, tatto dall'album del 2007 Adagio: composizione languida e meditativa vuole suggerire con ancora più enfasi lo stretto legame tra l'infanzia del sassofonista e il suo "borgo natio" (ricordiamo che la foto utilizzata come copertina di questo album ritrae Fasoli da bambino in una cornice veneziana). Con Giudecca il riferimento geografico diventa esplicito, mentre il sassofono tenore riscalda la platea, complice l’ottima acustica dell’auditorium che valorizza l’esecuzione di ogni strumentista.

Tra i due sassofoni che durante il concerto si alternano tra le dita di Fasoli è ora il soprano a rendersi protagonista di un sinuoso dialogo con contrabbasso ed archetto: le note arabeggianti in apertura di Arogarb sono un immediato rimando storico alla Serenissima, luogo di scambi tra oriente ed occidente, che hanno lasciato un segno indelebile nell'anima della città. Sembra strizzare l'occhio ai paesi arabi anche il titolo, lettura al contrario (o come si suol dire, "da destra verso sinistra") della parola Bragora. La musica non si interrompe e nella transizione verso Aponal (il significato, come quello di Bragora, è da ricercare tra le fermate dei vaporetti di Venezia) restano solo le note di Yuri Goloubev a sostenere il cambio di strumento di Fasoli. Il brano quindi si lascia andare ad una scintillante e frenetica improvvisazione che ricorda lo sfavillio della luce sulla superficie increspata del mare e spazza via ogni possibile dubbio circa il feeling tra i componenti del quartetto, un'intesa che difficilmente può lasciare indifferente l'ascoltatore. Lo stesso Claudio Fasoli ricorda l'impatto che ebbe su di lui il trio: imbattutosi in un'esibizione di Mario Zara (pianoforte), Yuri Goloubev (contrabbasso) e Marco Zanoli (percussioni), rimase immediatamente colpito e coinvolto dalla loro speciale "disponibilità" e sensibilità, dall'energia che scaturiva dalla loro performance, fonte per lui di infiniti stimoli. Spontaneità nel gesto tecnico, anche il più audace, e armonia all'interno della formazione sono elementi che riescono a coinvolgere anche i non addetti ai lavori, oltre che impressionare i veterani del mestiere, e l'Emerald Quartet riesce a sintetizzarli splendidamente. Come suggerito dal nome bizzarro di Aponal, anche la scelta dei titoli sembra legata ad un'esperienza infantile in quanto momento ludico, un gioco di suoni e significati che ciascun compositore gestisce in base al proprio gusto e carattere. Ma il riferimento ad una ricerca delle origini non si ferma qui e si insinua anche nella scelta strumentale. Con l'Emerald Quartet, infatti, Fasoli torna al quartetto classico dopo un lungo percorso di sperimentazione con formazioni anomale, caratteristica che lo aveva contraddistinto durante la sua pregressa carriera. Negli anni '80 il sassofonista veneziano prova ad esibirsi con due contrabbassi, oppure senza contrabbasso, o ancora senza batteria: sperimenta tutte le combinazioni possibili per esplorare nuove strade. Come egli stesso ha giustamente sottolineato, l'approccio compositivo varia in base alla formazione per cui stai scrivendo musica, se manca uno strumento le scelte sono necessariamente insolite ed ardite. Bisogna accettare una vera e propria sfida e percorrere strettoie compositive che Claudio Fasoli, forse abituato alle anguste calli veneziane, ha sempre affrontato con disinvoltura indirizzandosi verso soluzioni alternative. E questa negli anni è stata la sua marca distintiva, i suoi brani sono caratterizzati e riconoscibili, al di fuori di quella tendenza all'omologazione che oggi rischia di diventare la regola.

La nuova sfida annunciata dal sassofonista è una sorta di rivoluzione dall'interno, dettata dalla volontà di innovare partendo dalla tradizione. Svela che il prossimo lavoro potrebbe essere una nuova opera dedicata alla tipicità veneziana, in lingua inglese questa volta, e forse le due opere "lagunari" potrebbero entrare a far parte di una trilogia che Fasoli paragona, sorridendo, ad una sorta di Divina Commedia. Il nostro pensiero va immediatamente ai musicisti lo accompagneranno durante questo viaggio dantesco, al trio Zanoli-Goloubev-Zara che sarà sicuramente il miglior traghettatore.

Sabato, 20 Dicembre 2008 00:00

Gli Afterhours ammazzano il sabato

AFTERHOURS

 

Luogo: Pala Sharp, Milano

Data: 20 dicembre 2008

Evento: Tour 2008

Voto: 5

Alla destra del palcoscenico la luce naturale di una perfetta luna piena cui si affianca quella più flebile di Giove; alla sinistra lo sfavillio delle illuminazioni cittadine che i 600 metri di altitudine di Sordevolo permettono di scorgere in lontananza. Fanno il loro ingresso chitarrista e altri sei polistrumentisti rigorosamente in smoking che si posizionano alle rispettive postazioni; pochi attimi ancora e questo scenario diventerà contorno: Paolo Conte entra dalla sinistra, un cenno per salutare il folto pubblico, si siede al suo pianoforte e immobile attende la prima nota dello xilofono: Sparring partner. Termina il brano di apertura, i musicisti corrono per il palco e si scambiano i ruoli come in una danza che accompagnerà tutto il concerto. Via al secondo pezzo, Come-dì.

Tra le gambe del pianoforte si muovono quelle di Conte, un piede si agita freneticamente, l'altro sembra seguire le note; un accenno di kazoo e il pubblico è in tripudio. Il ritmo si allenta sulle strofe de La casa cinese e si fa cadenzato quand'è il momento di Sotto le stelle del jazz, particolarmente apprezzata dagli spettatori che si divertono ad imitare il cantautore a suon di "zzz". Le luci della scena si tingono di verde e i suoni si fanno esotici: è il momento di Alle prese con una verde Milonga che scivola via sinuosa per lasciare spazio alla fumosa e accattivante Boogie.

Come da copione i musicisti escono di scena e Conte esegue solo al pianoforte Parole d'amore scritte a macchina; quando termina il brano anche l'ultimo sassofonista abbandona il palco ed ecco Genova per noi, troppo grande, troppo celebre, non può essere rappresentata che su un palcoscenico sgombro. Conte termina quasi frettolosamente la popolare canzone e per la prima volta si alza e si porta al microfono alla sinistra del pianoforte: a chiudere la prima parte dello show è la splendida Molto lontano, il piano suonato a quattro mani, il bandoneon che soffia alle sue spalle.

Un motivo sentito e risentito apre la seconda parte del concerto, ma non è immediato che si tratti di Bartali: la prima strofa è lenta, forzatamente lenta, ma d'un tratto arriva la ripresa ritmica che asseconda le aspettative di tutti. Un'atmosfera calda e rilassante riempie l'aria con Sonno elefante, poi è la volta di Lo zio, Max e Diavolo Rosso che si trasforma piano piano in quella che sembra un'improvvisazione klezmer. Conte esce di scena, il solito rituale gridato lo fa rientrare per il bis. Due ragazzi si lanciano sotto al palco, subito la folla li imita e balla al ritmo de La vecchia giacca nuova. Via con me è intonata all'unanimità prima che le luci si spengano definitivamente

Venerdì, 29 Giugno 2007 00:00

Paolo Conte tra luce e poesia

PAOLO CONTE

www.paoloconte.it

Luogo: Anfiteatro Giovanni Paolo II, Sordevolo (BI)
Data: 29 giugno 2007
Evento: Libra Festival
Voto: 9

Alla destra del palcoscenico la luce naturale di una perfetta luna piena cui si affianca quella più flebile di Giove; alla sinistra lo sfavillio delle illuminazioni cittadine che i 600 metri di altitudine di Sordevolo permettono di scorgere in lontananza. Fanno il loro ingresso chitarrista e altri sei polistrumentisti rigorosamente in smoking che si posizionano alle rispettive postazioni; pochi attimi ancora e questo scenario diventerà contorno: Paolo Conte entra dalla sinistra, un cenno per salutare il folto pubblico, si siede al suo pianoforte e immobile attende la prima nota dello xilofono: Sparring partner. Termina il brano di apertura, i musicisti corrono per il palco e si scambiano i ruoli come in una danza che accompagnerà tutto il concerto. Via al secondo pezzo, Come-dì.

Tra le gambe del pianoforte si muovono quelle di Conte, un piede si agita freneticamente, l'altro sembra seguire le note; un accenno di kazoo e il pubblico è in tripudio. Il ritmo si allenta sulle strofe de La casa cinese e si fa cadenzato quand'è il momento di Sotto le stelle del jazz, particolarmente apprezzata dagli spettatori che si divertono ad imitare il cantautore a suon di "zzz". Le luci della scena si tingono di verde e i suoni si fanno esotici: è il momento di Alle prese con una verde Milonga che scivola via sinuosa per lasciare spazio alla fumosa e accattivante Boogie.

Come da copione i musicisti escono di scena e Conte esegue solo al pianoforte Parole d'amore scritte a macchina; quando termina il brano anche l'ultimo sassofonista abbandona il palco ed ecco Genova per noi, troppo grande, troppo celebre, non può essere rappresentata che su un palcoscenico sgombro. Conte termina quasi frettolosamente la popolare canzone e per la prima volta si alza e si porta al microfono alla sinistra del pianoforte: a chiudere la prima parte dello show è la splendida Molto lontano, il piano suonato a quattro mani, il bandoneon che soffia alle sue spalle.

Un motivo sentito e risentito apre la seconda parte del concerto, ma non è immediato che si tratti di Bartali: la prima strofa è lenta, forzatamente lenta, ma d'un tratto arriva la ripresa ritmica che asseconda le aspettative di tutti. Un'atmosfera calda e rilassante riempie l'aria con Sonno elefante, poi è la volta di Lo zio, Max e Diavolo Rosso che si trasforma piano piano in quella che sembra un'improvvisazione klezmer. Conte esce di scena, il solito rituale gridato lo fa rientrare per il bis. Due ragazzi si lanciano sotto al palco, subito la folla li imita e balla al ritmo de La vecchia giacca nuova. Via con me è intonata all'unanimità prima che le luci si spengano definitivamente

AMA Radio: scegli la tua musica

Prossimi appuntamenti

« Novembre 2022 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        

 

ERROR_SERVER_RESPONSE_301