AMA music

SENZA MUSICA LA VITA SAREBBE UN ERRORE Friedrich Nietzsche

Martedì Novembre 29, 2022
Home  //  Martina Bernareggi
Errore
  • [sigplus] Critical error: Image gallery folder concerti/silvestri is expected to be a path relative to the image base folder specified in the back-end.

Martina Bernareggi

Martina Bernareggi

Durante gli anni dell'università inizia a lavorare presso una testata locale continuando l'attività giornalistica in ambito musicale e  sportivo come freelance.
Iscritta all'ordine dal 2007 crea il progetto AMA music per dar voce alle realtà locali o parlare dei grandi nomi con il gusto e l'approfondimento che difficilmente si trovano nel web.

Martedì, 20 Settembre 2011 15:06

Informativa sulla privacy

(ART. 13 CODICE DELLA PRIVACY)

Ti informiamo ai sensi dell'articolo 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, n. 196 recante il Codice della privacy (di seguito "Codice"), che le informazioni ed i dati forniti in occasione della tua richiesta di iscrizione e registrazione al servizio newsletter del sito www.amamusic.it ("Sito") saranno oggetto di trattamento nel rispetto delle norme del Codice.

Le finalità, prettamente commerciali data la natura del servizio richiesto dall'utente, sono di seguito riassunte.

a) stabilire contatti - su richiesta degli interessati - con gli utenti interessati a fruire delle informazioni e notizie messi on line dal titolare del trat-tamento;

b) consentire all'utente che intende iscriversi la procedura di registrazione per richiedere - e successivamente ricevere via email - le newsletters del Sito aventi carattere informativo oppure aventi i contenuti richiesti dall'utente;

c) rispondere alle richieste di informazioni degli utenti relativi ai contenuti della newsletter ed in generale consentire al titolare di gestire i contatti richiesti dagli utenti.

La natura del servizio non è commerciale. Tuttavia, fin da ora ti informiamo che potrai in qualsiasi momento opporti alla ricezione di qualsiasi comunicazione che ti invieremo ai sensi di quanto appena descritto. Potrai esprimere il tuo rifiuto e cancellarti dalla mailing list tramite la stessa newsletter che riceverai ed a partire dal quel momento cesseremo ogni forma di invio.

I tuoi dati non saranno oggetto di diffusione.

Ai sensi dell'articolo 13, comma 1, lettera d) ti informiamo inoltre circa i soggetti o le categorie di soggetti ai quali, nell'esclusivo ambito delle finalità sopra specificate, i tuoi dati personali potranno essere comunicati o che potranno venirne a conoscenza in qualità di incaricati del trattamento: personale della nostra società, tecnici informatici che gestiscono i server.

Ti informiamo che il conferimento dei dati, per tutte le finalità sopra elencate, è facoltativo, ma il loro eventuale mancato conferimento potrebbe rendere impossibile prestare i servizi e/o le informazioni di volta in volta richieste.

Il Titolare del trattamento è il proprietario del dominio amamusic.it.

Con riferimento all'utilizzo sul Sito di tecnologie e/o tecniche per accedere a informazioni archiviate nell'apparecchio terminale di un abbonato o di un utente, per archiviare informazioni o per monitorare le operazioni dell'utente, ti informiamo che tale utilizzo avverrà unicamente per scopi legittimi relativi alla memorizzazione tecnica dei dati per il tempo strettamente necessario alla trasmissione della comunicazione o alla fornitura delle risposte richieste. Ti ricordiamo altresì che anche nel caso di operatività di tali sistemi di tracciatura/marcatura della navigazione web, l'utente ha sempre la possibilità di disattivarne il funzionamento modificando le impostazioni del suo browser, ed in ogni caso può opporsi a tale tipo di trattamento comunicandolo al Titolare.

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione (art. 7 del d.lgs. n. 196/2003).

Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

Le richieste vanno rivolte al Titolare, senza formalità, inviando una comunicazione all'e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo..

DISCLAIMER

Le informazioni contenute nelle Newsletter, laddove tratte da fonti esterne, hanno carattere esclusivamente informativo e di aggiornamento e non hanno carattere esaustivo, né possono essere intese come espressione di un parere o di una indicazione o presupposto al fine di adot-tare decisioni. AMAmusic non potrà essere considerata responsabile per qualsiasi uso fatto delle Newsletter né per qualsiasi azione od omissione posta in essere a seguito delle informazioni in esse contenute senza averci preventivamente richiesto uno specifico approfondi-mento o parere.

Tutti i marchi, nomi commerciali ed ogni altro segno distintivo pubblicati nelle Newsletter sono di esclusiva proprietà dei relativi titolari e sono protetti dalle legislazioni nazionali ed internazionali vigenti in tema di tutela della Proprietà Intellettuale e Industriale. Ogni violazione sarà perseguita a termini di legge. I contenuti delle Newsletters ed i contributi ivi pubblicati sono di proprietà dei relativi autori. Qualsiasi violazione dei relativi diritti d'autore ad opera di utenti registrati al servizio Newsletters non potrà comportare a qualsiasi titolo responsabilità della nostra società.

L'utente si impegna ad utilizzare il servizio Newsletter per scopi leciti, restando integralmente a suo carico qualsiasi responsabilità discendente da qualsiasi utilizzazione illecita, o in violazione di tutte le normative applicabili, di informazioni, dati, etc connessi al servizio.

Varese ospiterà Paolo Conte per un doppio appuntamento i giorni 1 e 2 ottobre. La prima serata vedrà  il cantautore astigiano esibirsi in concerto per il decennale del teatro Apollonio; il giorno succesivo Conte riceverà il premio “Le parole della musica”, riconoscimento assegnato dal Premio Chiara, in collaborazione con il Premio Tenco.

Domenica, 18 Settembre 2011 06:51

Eventi in jazz 2011 a Busto Arsizio

Segui giorno per giorno lo SPECIALE EVENTI IN JAZZ: recensioni, foto e spezzoni video dei concerti sono a tua disposizione

Il programma:

BUSTO ARSIZIO

Tutti i concerti in programma si terranno presso il Teatro Sociale – Piazza Plebiscito, 1

 

 

 

 

Lunedì 17 ottobre ore 21

Steppin’ On Stars

Joe Locke – vibrafono
Dado Moroni – pianoforte
Rosario Giuliani – sassofono contralto e soprano

(VAI ALL'ARTICOLO)

Ore 23 Jazz Galà (Gastronomia Crespi)


Martedì 18 ottobre ore 21

Lydian Sound Orchestra
Arrangiatore e Direttore Riccardo Brazzale

Pietro Tonolo – sassofono contralto e soprano
Robert Bonisolo – sassofono contralto e tenore
Rossano Emili – sassofono baritono e clarinetto
J. Kyle Gregory – tromba - piccolo
Roberto Rossi – trombone
Dario Duso – tuba
Paolo Birro – pianoforte
Marc Abrams – contrabbasso
Mauro Beggio – batteria


Mercoledì 19 ottobre ore 21

Proiezione del film documentario Michel Petrucciani – Body & Soul
del regista Michael Radford, presentato all’edizione 2011 del Festival di Cannes.

Costo del biglietto € 4.00 – ingresso gratuito per gli abbonati

 

Giovedì 20 ottobre ore 21

Louis Hayes & The Cannonball Legacy Band

Louis Hayes – batteria
Vincent Herring – sassofono contralto
Philip Harper – tromba
Rick Germanson – pianoforte
Richie Goods – contrabbasso

Venerdì 21 ottobre ore 21

Enrico Rava Tribe

Enrico Rava – tromba
Gianluca Petrella – trombone
Giovanni Guidi – pianoforte
Gabriele Evangelista – contrabbasso
Fabrizio Sferra – batteria

Sabato 22 ottobre ore 21

Kyle Eastwood - Songs From The Chateau

Kyle Eastwood – contrabbasso
Jim Watson – pianoforte
Richard Beesley – sassofono tenore
Henry Collins – tromba
Martyn Kaine – batteria

 

Prevendita biglietti

Concerti Città di Busto Arsizio:

Ingresso € 7,00 - Abbonamento € 30,00

Teatro Sociale – Piazza Plebiscito, 1

Busto Arsizio – tel.             0331/679000

Mercoledì – Venerdì dalle ore 16,00 alle ore 18,00


 

CASTELLANZA

GRANDE JAZZ... all’UNIVERSITÀ

Università Carlo Cattaneo - LIUC - Aula Bussolati Piazza Soldini, 5

Venerdì 4 Novembre ore 21

Cordoba Reunion

Javier Girotto – sassofono baritono e sassofono soprano
Gerardo Di Giusto – pianoforte
Carlos “El Tero” Buschini – contrabbasso
Minino Garay – batteria e percussioni

Ore 23 Jazz Fantasy (Compass Group)

Venerdì 11 Novembre ore 21

Antonio Faraò Trio

Antonio Faraò – pianoforte
Darryl Hall – contrabbasso
Dejan Terzic – batteria

Venerdì 18 Novembre ore 21

Rachel Gould Luigi Tessarollo Quartet

Rachel Gould – voce
Luigi Tessarollo – chitarra
Aldo Zunino – contrabbasso
Alfred Kramer – batteria

Ore 23 Wine Jazz (Pro Loco di Castellanza)

Scarica la locandina

Martedì, 13 Settembre 2011 15:33

L'urlo della Galás irrompe nel MiTo

Diamanda Galas al MiTo di milano

DIAMANDA GALÁS

www.diamandagalas.com

Luogo: Auditorium di Milano
Data: 11 settembre 2011
Evento: MiTo SettembreMusica
Voto: 8


Incedere lento, ombra nell'ombra, l'ingresso in scena di Dimanda Galás è avvolto dal mistero di un ritualità esoterica; l'unico fascio di luce è puntato sul seggiolino del pianoforte a coda al centro del palcoscenico: l'incarnato pallido del suo volto si svela cautamente quando lo attraversa.
Uno sguardo fugace alla platea, le dita affusolate sui tasti e un'onda d'urto inchioda alle sedie gli spettatori, chi stupito, chi scioccato, chi già rapito. La Galás esige un rapporto schietto con il suo pubblico e il primo brano è un biglietto da visita che non lascia dubbi circa le sue potenzialità: acuti sopranili e modulazioni raffinate sono le ali per voli vertiginosi attraverso le quattro ottave della sua estensione (oltre ad essere un buon esercizio per scaldare le corde vocali, destinate nei successivi novanta minuti ad un lavoro arduo).

Le acrobazie vocali di Diamanda Galas si servono di lingue diverse per esprimere al meglio colori e sfumature fonetiche, sfruttando fino in fondo le peculiarità date dalla pronuncia e dal suono di ogni idioma. Poliglotta per via delle origini, sa come piegare al proprio volere (e valorizzare grazie al proprio stile) una struggente canzone popolare spagnola, un chanson française in trequarti, una ballata inglese di successo. Musiche turche, armene e gitane completano la scaletta dello spettacolo "The Refugee", improntato sul tema dell'emarginazione e della discriminazione dei profughi costretti ad abbandonare il proprio Paese.

Il lato più estremo ed oscuro dell'artista greco-americana viene scaraventato addosso alla platea per la prima volta durante il terzo brano, quando vocalizzi agghiaccianti, distorsioni gutturali e dissonanze laceranti svelano tutta l'anima maledetta della Galás più sperimentale. La successiva cover, Amsterdam di Jacques Brel, serve a tamponare lo sbigottimento che sgorga a fiotti tra le poltroncine di velluto rosso: un'interpretazione carica e sentita permette alla cantante di instaurare un rapporto di fiducia con la parte ancora scettica del pubblico, che risponde con un applauso scrosciante.
La suggestione dello spettacolo è supportata e corroborata dal lavoro sottile e ben orchestrato di tecnico luci e fonico, fidi collaboratori di Diamanda Galás. E così prima tutto si tinge di un rosso vivo in cui galleggiano acuti soffocati e strazianti, poi arriva il blu a suggerire un’atmosfera da favola noir, che ha per protagonista il suono effettato di un pianoforte spettrale e inquietanti frasi sussurrate.

Nel mezzo c’è tempo anche per un siparietto scherzoso, quando la Galás, non vedendo esaudita la sua richiesta d’acqua, si alza per recuperarla da sé e, tornata sul palco ancora a mani vuote, accetta le bottiglie offerte dalle prime file col sorriso sulle labbra e un atteggiamento per nulla viziato da divismo o presunzione.

Degna conclusione dello spettacolo, Heaven Have Mercy (successo di Edit Piaff del 1956) è un brano intenso e toccante, che rende gli spettatori ancora più affamati del rituale bis. Ve ne saranno due prima che Diamanda Galás lasci il palco tra il fragore degli applausi di un pubblico soddisfatto e arricchito.

di Martina Bernareggi

Leggi la monografia di Diamanda Galás

Giovedì, 01 Settembre 2011 09:02

Diamanda Galas - La serpenta

Diamanda Galas - La serpentaStudiava biochimica all’università, ambiente accademico che abbandonerà anzitempo per dedicarsi integralmente al pianoforte. Quindi la decisione di chiudersi in una scatola ed iniziare a cantare: possiamo pensare che questa sia l’origine, in bilico tra storia e fantasia, de "l'urlo del sangue", come la stessa Diamanda Galas ama definire quel tratto peculiare, agghiacciante e raccapricciante della sua musica.

O forse sarebbe meglio definirlo affascinante e misterioso, tanto da averla consegnata se non all’olimpo, quanto meno a qualche bolgia dell’universo cantautorale.

Deve essere stata particolarmente segnata dalla frase «Solo gli idioti o le donnacce – per usare un eufemismo - diventano cantanti» pronunciata dal di lei padre, trombonista e bassista che crebbe la piccola Diamanda nella rigida osservanza della dottrina greco-ortodossa. Sembra infatti che la promettente musicista si sia anche prostituita, per gioco o per sfida, o forse per scavare ancor più in quella “carne macellata” citata nel brano estremo che grida senza mezzi termini la sua reazione all’imposizione spirituale: «Sono l’Antichristo».

Il pezzo è ben lontano da quella che è stata la sua iniziazione alla performance live, avvenuta a 14 anni, quando la giovane pianista americana di origini greche suonò con l’Orchestra Sinfonica di San Diego (città che le diede i natali nel 1955) il Concerto per Piano n° 1 di Beethoven.

Nietzsche, Baudelaire, Pasolini, Poe e De Sade sono gli spiriti guida di Diamanda negli anni dell’adolescenza segnata dalle note di classica, jazz e blues e dalla frequentazione di jazzisti d’avanguardia come David Murray, Butch Morris e Mark Dresser. Di lì a poco la proposta di esibirsi, nemmeno a dirlo, in ospedali psichiatrici. Ma bisognerà attendere gli anni dell’università per la vera e propria rivelazione delle sue uniche e strabilianti capacità vocali.

Se il debutto ufficiale in veste di interprete risale al 1979, quello discografico è datato 1982 con The Litanies Of Satan, album talmente estremo da essere guardato con diffidenza persino dall’avanguardia. Condensato di canto ed elettronica è il tremendo capolavoro che nemmeno la stessa Serpenta riuscirà a replicare: voci sovraincise spaziano attraverso un numero non ben definito di ottave, suoni lacerati e laceranti, acuti sopranili e gargarismi gutturali, riti pagani ed evocazioni demoniache permeano i due brani che compongono l’album.

The Divine Punishment (1986) è una sorta di spartiacque tra la prima fase, quella della sperimentazione esasperata, ed una seconda via, più teatrale, più drammatica, che culmina nel succitato Sono L’Antichristo brano cantato in italiano che, lungi dal voler comunicare un messaggio di satanismo, critica la religione cristiana in quanto istituzione. Completano la seconda trilogia Saint Of The Pit e You Must Be Certain Of The Devil, opera che segna l’inizio di un periodo poco brillante per la Galas.

Non va meglio negli anni ’90 con End Of The Epidemic (1991) e The Singer (1992), tanto che del 1994 abbiamo un decisivo cambio di rotta con The Sporting Life, album marcatamente deviato verso il rock, nato dalla collaborazione con John Paul Jones. L’esperimento si rivela piuttosto felice, un po’ meno lo sembra, nell’immagine di copertina, l’espressione del fu bassista dei Led Zeppeli, mentre subisce la minaccia di un coltellaccio da cucina brandito dalla Galas.

La sua produzione più recente è caratterizzata da una sorta di ritorno alle origini che per un’artista dello stampo di Diamanda Galas, proiettata verso l’altrove, attraverso uno sguardo che si spinge sempre un po’ più in là del comune sentire, non può che segnare una regressione, l’inizio della fine. Nulla infatti hanno da dirci gli ultimi suoi album, composti da live cover blues, gospel e jazz, noiosi e stantii, tra cui spicca la ripresa di Lonely Woman di Ornette Coleman, da sempre dichiarato per il suo fraseggio la maggiore fonte di ispirazione della cantante. Niente a che vedere, tuttavia, con la potenza perforante e dilaniante della sua voce stridula e profonda, limpida e gracchiante, sensuale e fastidiosa, con i vocalizzi multipli e soprannaturali che hanno caratterizzato la sua produzione passata.

Non resta quindi che godere delle incisioni più datate, quelle in cui depravazione e spudoratezza affioravano con prepotenza dalla tecnica sopraffina di una musicista molto preparata, una vocalist dalla rare doti canore, ricercatrice estrema ed attenta studiosa. Come una sorta di Picasso del pentagramma la Galas ha preso il suo talento e l’ha torturato per ricavarne un’arte del tutto personale ed inimitabile, tracciando un solco nella storia della musica contemporanea che difficilmente potrà essere cancellato.

di Martina Bernareggi

Mercoledì, 31 Agosto 2011 10:18

MITO - Settembre Musica

MiTo - Settembre musicaApre i battenti la quinta edizione di MITO SettembreMusica, in scena dal 3 al 22 settembre. Milano e Torino si uniscono ancora una volta nella proposta di un Festival Internazionale capace di suggerire al pubblico, italiano e non solo, nuovi itinerari di ascolto, passione per la ricerca, affetto per la tradizione. Fedele alla propria identità, la manifestazione insiste nello sforzo - perseguito fin dalle origini e poi per tutto un lustro - di immaginare nuovi spazi ed esperienze musicali per il pubblico

Scarica il programma sintetico in PDF

Per informazioni dettagliate: www.mitosettembremusica.it

[sigplus] Critical error: Image gallery folder concerti/silvestri is expected to be a path relative to the image base folder specified in the back-end.

DANIELE SILVESTRI

www.danielesilvestri.it

Luogo: Villa Arconati, Bollate (MI)
Data: 14 giugno 2011
Evento: Festival Villa Arconati
Voto: 7,5

{gallery}concerti/silvestri{/gallery}

di Eugenio Peralta

Dalla prima apparizione a Sanremo con L’uomo col megafono ai successi più recenti, il leit motiv che accompagna la carriera di Daniele Silvestri è immutabile: bravo, ma gli manca il capolavoro. Una discografia traboccante di pezzi eccellenti e con pochissime cadute di stile, priva però del “cinque stelle”, dell’acuto definitivo. Il luogo comune ha indubbiamente un fondo di verità; ma l’apparente handicap si trasforma in un asso nella manica nella dimensione live, dove Silvestri può permettersi di sfoderare un brano dopo l’altro virtualmente all’infinito, potendo contare su un’elevatissima qualità media. Ed è andata proprio così nella scenografica cornice di Villa Arconati, dove il cantautore romano si è esibito per quasi due ore e mezza con la consueta generosità, incurante della stanchezza e delle zanzare, di fronte a un pubblico tanto entusiasta quanto disciplinato (ci torneremo).

Se c’è una cosa che Silvestri sa fare benissimo è arruffianarsi gli ascoltatori, con il suo atteggiamento ironico e autoironico, con le dichiarazioni di appartenenza politica (poche settimane fa è stato tra i protagonisti del concerto in onore di Giuliano Pisapia) e persino mettendo in scena una presunta “improvvisazione” della scaletta. Ma anche con la musica: si vedano gli ammiccanti ritmi latini garantiti dalla presenza del percussionista cubano Ramon José Caraballo, per esempio ne La paranza, ma ancora più spesso gli sconfinamenti nel reggae e nello ska, come nei nuovi arrangiamenti di Monetine o Me fece mele a chepa. Mosse furbette? Può darsi, ma va detto che l’altro elemento da sempre presente nel DNA di Silvestri è la capacità di muoversi con disinvoltura (e grande divertimento) da un genere musicale all’altro: lo ha dimostrato anche a Bollate, saltando senza affanno dalla ballad Acqua stagnante alla sincopata Fifty fifty, fino al quasi-rap di Le cose in comune, anche se la velocità non è più quella di una volta.

Nella lunga scaletta dello spettacolo, del resto, c’è stato spazio praticamente per ogni cosa: quasi tutti i brani dell’ultimo disco, forse meno riuscito dei precedenti ma sempre ben oltre la soglia della gradevolezza, a qualche “perla” tirata fuori dal dimenticatoio come la bellissima Strade di Francia e addirittura il rock naif di Datemi un benzinaio, uno dei primi brani incisi dal cantante di Roma. Spiazzante la pausa a metà concerto: dieci minuti di musica techno – piuttosto datata – per introdurre i brani più movimentati come la grottesca S con Dario, altro cavallo di battaglia degli esordi, ma anche Manifesto o Salirò. Tra i momenti più intensi da segnalare anche il duetto con il milanese Diego Mancino per l’onirica e ispirata Acqua che scorre.

Il neo della serata è facile da individuare: la posizione del pubblico, irrigidito in posti a sedere troppo lontani dal palco e impossibilitato a vivere il concerto con la dovuta partecipazione. Vero che Silvestri è un cantautore a tratti intimista, ma così si esagera. Dopo quasi un’ora e mezza, infatti, gli spettatori hanno finalmente infranto il tabù e si sono riversati in massa nelle prime file, in tempo per un finale ad alto tasso di emotività: il rock progressivo di Aria, i beffardi stornelli di Testardo con tanto di coro “..de li mortacci tua”, e soprattutto l’attesissima Cohiba dedicata a Che Guevara, ormai trasformata in un inno generazionale. Certo, a rifletterci c’è qualcosa che non torna nel sentire Silvestri enunciare che “lo slogan è fascista di natura” (Voglia di gridare, il singolo con cui esordì nel 1994) per poi lanciarsi, pochi secondi dopo, nel coro “Venceremos adelante, o victoria o muerte”. Ma in fondo cambiare idea non è vietato e anche questa è una dimostrazione di sincerità, una dote che al cantautore romano non è davvero mai mancata.


Giovedì, 21 Luglio 2011 15:55

Franco Battiato: Up patriots to arms

FRANCO BATTIATO

www.battiato.it

Luogo: Villa Reale, Monza (MB)
Data: 20 luglio 2011
Evento: Tour Up Patriots to Arms
Voto: 9,5


«Pump up the volume» esorta una voce femminile dagli altoparlanti. Che sia una comunicazione di servizio?

Non c'è tempo per le supposizioni: una propulsiva Up Patriots to arms irrompe con una potenza che i suoi 31 anni di storia sembrano aver caricato, anziché smussato. Come accadrà per altri brani durante la serata, il pezzo non è suonato in versione integrale: la band riassume in un'anteprima di poche battute quello che sarà lo spirito dell'intero concerto. Per capirci, è quanto accade anche nell'arte cinematografica (di cui Battiato non è certo digiuno): i titoli di testa spesso anticipano allo spettatore quello che accadrà nel corso del film.

Quindi, se abbiamo colto il messaggio, Franco Battiato si appresta a spruzzare dell'autentico rock 'n' roll tra la suggestiva cornice della Villa Reale di Monza, pennellando qua e là arrangiamenti raffinati e curati in modo quasi maniacale: musica popolare e colta si amalgameranno come colori stesi sulla tela da una mano sapiente. E così sarà.

Una prima sferzata di adrenalina scorre tra la platea assieme alle note di Auto Da Fe, No Time, No Space e Un'altra vita, spunto per una freddura sul protrarsi oltre misura delle opere pubbliche in Italia (la terza linea del metrò che avanza – ironizza Battiato - e io è da 30 anni che l'aspetto questa terza linea).

Una serie di successi più recenti, sostenuti a colpi di distorsione da un "tarantolato" Davide Ferrario, infuocano il pubblico che non può fare a meno di rimbalzare sulle sedie al ritmo di Tra sesso e castità, Il ballo del potere, Inneres Auge e una superba resa live di Shock in my town. In un crescendo di emozioni, la scaletta non poteva che prevedere due brani dello storico La voce del padrone.  Dopo Gli uccelli e Segnali di vita, dritto nel cuore della serata, arriva il momento forse più alto del concerto con il Quartetto Italiano che è ora protagonista di due chansons francaises riarrangiate dallo stesso Battiato per il primo Fleur: l’interpretazione che ci offre de La canzone dei vecchi amanti e J'entends siffler le train è sublime.

Povera patria, tristemente attuale, riesce a smuovere i sentimenti del pubblico più di qualsiasi turbolenta canzone di protesta; subito dopo, a placare gli animi arriva Prospettiva Nievsky, brano etereo in grado di riconciliare chiunque col mondo intero.

Sapevo bene quanto il repertorio di Battiato fosse vasto  e ricco di capolavori, ma mai me ne sono resa conto come in questo momento: La Cura, I treni di Tozeur, La stagione dell'amore, L'era del cinghiale bianco, La danza, E ti vengo a cercare e Cuccurucucu vengono snocciolati a raffica per un pubblico in delirio, già in piedi e accorso sotto il palcoscenico con il benestare del cantante Catanese che zampetta per il palcoscenico, balla e si agita come un ragazzino.

Il pubblico pienamente appagato inizia a defluire col sorriso sulle labbra, ma ci sono ancora delle perle che attendono di essere chiamate banalmente "bis": L'animale, Stranizza d'amuri e, ovviamente, Centro di gravità permanente, chiudono più che degnamente una scaletta strepitosa che nemmeno l'acustica non esattamente impeccabile del cortile di Villa Reale è riuscita a sminuire.

Martedì, 19 Luglio 2011 01:15

Blues in Idro 2011

Dopo i successi di pubblico ottenuti nelle precedenti edizioni, la Provincia di Milano è lieta di ospitare nuovamente all’Idroscalo Blues in Idro, la popolarissima rassegna di musica blues divenuta appuntamento fisso dell’estate metropolitana.

Mercoledì 20 e Giovedì 21 luglio dalle 21.00 presso le Tribune dell’Idroscalo.

PROGRAMMA

20 Luglio
DANIELE TENCA BAND
FRANCESCO PIU
PAOLO BONFANTI
GUITAR RAY & THE GAMBLER

21 Luglio
BATON ROUGE
TRAVES BLUES BAND

Leggi la recensione dell'abum dei Baton Rouge Hobo Ramblin'

Domenica, 12 Giugno 2011 12:04

Gaia Cuatro e Paolo Fresu su Sky Classica

Gaia Cuatro e Paolo Fresu su Sky Classica

Lunedì 11 luglio, a partire dalle 00.15

 

Classica (Sky, canale 728) trasmette in esclusiva assoluta 
Gaia Cuatro e Paolo Fresu – live in Monza
un docu-concerto firmato Paolo Faroni, Josè Francesena, Jacopo Pataccini e Francesco Piccoli.

 

AMA Radio: scegli la tua musica

Prossimi appuntamenti

« Novembre 2022 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        

 

ERROR_SERVER_RESPONSE_301