AMA music

SENZA MUSICA LA VITA SAREBBE UN ERRORE Friedrich Nietzsche

Domenica Gennaio 29, 2023
Home  //  Dischi  //  God Shuffled His Feet // Crash Test Dummies
Martedì, 05 Febbraio 2013 11:10

God Shuffled His Feet // Crash Test Dummies

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
God Shuffled His Feet // Crash Test Dummies God Shuffled His Feet // Crash Test Dummies

Nel secondo album dei Crash Test Dummies, Brad Roberts prende decisamente il comando delle operazioni firmando tutti i brani ed interpretandoli da voce solista, supportato dall’ottima backing vocalist Ellen Reid. Il suono di questa nuova fatica si distanzia piuttosto nettamente dall’opera prima The Ghost That Haunt Me e sono almeno un paio le motivazioni che spingono a preferire God Shuffled His Feet: la prima, che salta subito all’ orecchio, è che è stata fatta piazza pulita da tutti i lustrini e gli insistiti arrangiamenti “irish”che pervadevano il disco di due anni prima.

Ciò ha permesso una migliore valorizzazione delle peculiarità dei singoli brani. La seconda è che le canzoni stesse raggiungono uno standard qualitativo superiore, che non si limita ai singoli prescelti ma riguarda l’intero cd.

L’amore di Roberts per personaggi bizzarri ed in qualche modo “sfortunati” raggiunge il suo apice, in quella che resta sicuramente l’espressione più nota, a tutt’oggi, dell’arte della band canadese. La mostruosa galleria di ragazzini disgraziati, fisicamente e moralmente, descritti in Mmm mmm mmm mmm è stata a lungo oggetto di critiche circa la non-opportunità dei temi narrati; ci limitiamo a dire che melodicamente trattasi di brano molto ben riuscito, reso alla perfezione dal tono basso della voce di Brad ed ottimamente armonizzato creando un intrigante contrasto vocale. Non che tutte le tracce siano tanto sconsolate, il divertente refrain di Here I Stand Before Me, cattura subito l’ascoltatore, a patto che questi eviti di sviscerare le singolari teorie del testo circa la scarsa utilità delle varie parti dello scheletro umano. Persino la strampalata pena d’amore narrata in I Think I’ll Disappear Now mantiene alto il tono e il morale dell’album: il povero protagonista è talmente goffo ed improbabile che nessuno lo prende sul serio quando con fare pseudo drammatico annuncia che sparirà per un po’; l’importante è che sia rimasto abbastanza per creare un altro pezzo decisamente piacevole. Se avete anche voi quel cacchio di ipod che si usa adesso, ricordatevi di scaricare anche il brano successivo, perché l’allacciamento tra la tastiera sfumata di I Think I’ll Disappear e l’intro di batteria di How Does A Duck Know? rappresenta una delle sequenze più coinvolgenti dell’opera (oltretutto ascoltereste quantomeno anche un po’ di sana chitarra distorta).

La palma del brano migliore però spetta a Afternoons And Coffeespoons; non solo consta di tappeto musicale irresistibile, specialmente nel ritornello, ma volete mettere la soddisfazione di cantare a squarciagola che un giorno saremo tanto conciati da non poterci più muovere dal letto e vendere con questo migliaia di singoli?. Stesso discorso è applicabile per la title track, God Shuffled His Feet, che descrive le futili interrogazioni poste da un gruppo di gitanti ad un picnic ad un Ospite illustre che più non si potrebbe, che di fronte a tanta ottusità replica sdegnato con parabole astruse o con il silenzio. Anche qui la cantabilità e, potremmo dire, il calore del brano vengono premiati dalle cime delle classifiche. Degna di menzione anche la spensierata (auto?)ironia di When I Go Out With Artists o la visionaria pastoralità di The Psychic. Sarebbe ingiusto però attibuire al solo Brad il merito di un buona prova come questa. Notevole è anche l’apporto della sezione ritmica, particolarmente apprezzabile la performance del bassista Dan Roberts, fratello di Brad, che cuce linee di basso creative e coprenti, nonchè del batterista Michael Dorge, incalzante e pulitissimo nei toni più pieni del rullante.

Potremmo aggiungere, riguardo ai testi, che se qualcuno può ritenersi infastidito da certe immagini, può tuffarsi nella salutare oasi naturista/animalista di In The Days Of The Caveman o rifugiarsi nell’outro strumentale di Untitled. Un disco ben suonato, ben arrangiato, divertente e sarcastico. Non sarà molto, ma il rock non è mai stato solo sfighe e messaggi epici, neanche negli infuriati primi anni novanta.

Informazioni aggiuntive

  • Autore: Crash Test Dummies
  • Etichetta: Arista
  • Anno di pubblicazione: 1993
  • Album: God Shuffled His Feet
Letto 1173 volte Ultima modifica il Martedì, 05 Febbraio 2013 11:15
Alfonso Gariboldi

Poesie, racconti, recensioni: la caleidoscopica  proposta di Alfonso Gariboldi per AMA music si traduce in una acuta retrospetiva che indaga vizi e virtù degli album che hanno fatto la storia della musica. Ogni sua recensione è arricchita da un collegamento storico, un aneddoto, una riflessione sagace che contribuisce a delineare lo stile irreprensibile e irriverente della rivista.

Per ulteriori informazioni circa l'attività letteraria di Alfonso rimandiamo al suo sito personale www.alfonsogariboldi.it

Sito web: www.alfonsogariboldi.it

AMA Radio: scegli la tua musica

Prossimi appuntamenti

« Gennaio 2023 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

 

Ultimi concerti

ERROR_SERVER_RESPONSE_301