AMA music

SENZA MUSICA LA VITA SAREBBE UN ERRORE Friedrich Nietzsche

Lunedì Febbraio 06, 2023
Home  //  Dischi  //  Khali // Alejandro Franov
Mercoledì, 30 Gennaio 2013 17:16

Khali // Alejandro Franov

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Khali // Alejandro Franov Khali // Alejandro Franov

Tre sono i significati racchiusi nella parola Khali, tre gli strumenti che reggono la sapiente architettura dell'album, tre i continenti esplorati dalla sua musica 

Bastano pochi secondi di ascolto per associare il termine "esotico" all'album Khali, primo lavoro su scala internazionale dell'argentino Alejandro Franov. Esotico perché rimanda ad un altrove, ma l'altrove qui evocato è indefinito: mbira, sitar e arpa paraguaiana amalgamano nei brani sonorità  africane, indiane e sudamericane, punteggiate qua e là  da percussioni, voci (per lo più femminili), arpeggi di chitarra ed un tocco di elettronica. Il risultato è autentica world music, impossibile da ricondurre ad una zona specifica della terra, ma pura e primordiale.  Oltre alla nota divinità  Indù, Khali indica uno dei cicli della musica Hindustani ed è il nome dell'isola croata dove è nato il nonno dell'artista: un altro rimando alle origini che ben s'inserisce nello spirito che anima il progetto. Nella stessa direzione vanno i titoli dei singoli brani: terre lontane nello spazio o nel tempo, civiltà  scomparse, antiche divinità .

Gli studi di Alejandro Franov sulla musica Africana, specialmente quella appartenente all'etnia Shona (Zimwbabwe), araba e indiana sono palesi già  dell'apertura: Micerino Alap è un brano eseguito interamente col sitar e la stessa parola "alap" indica appunto la sezione d'apertura di una tipica performance dell'India del nord. Segue Micerino Tema, in cui arpa, basso, percussioni, e voce entrano a supportare il sitar sul precedente tema musicale.

In Gandanga appreziamo per la prima volta il suono della mbira, che si ripresenta assieme al bastone della pioggia sulla melodia ossessiva di Khali per reggere nel brano successivo (Sumatra) un tema altrettanto reiterato. L'arpa peruviana è invece strumento protagonista nei due brani dal titolo spagnolo, Pasando el Mar e Cuentos, mentre diventa comparsa in Karigabombe e Luxor. Sudan è decisamente la traccia più ritmata dell'album, costruita sulla tipica scala araba e sostenuta dall'incalzare del djembe.

Un album percepito fin dall'apertura come esotico risulta, giunti alla fine, persino esoterico, ricco di stimoli provenienti da disparati angoli del mondo, ma rivolto ai pochi che li sapranno cogliere.

Informazioni aggiuntive

  • Autore: Alejandro Franov
  • Etichetta: Staubgold
  • Anno di pubblicazione: 2007
Letto 880 volte
Martina Bernareggi

Durante gli anni dell'università inizia a lavorare presso una testata locale continuando l'attività giornalistica in ambito musicale e  sportivo come freelance.
Iscritta all'ordine dal 2007 crea il progetto AMA music per dar voce alle realtà locali o parlare dei grandi nomi con il gusto e l'approfondimento che difficilmente si trovano nel web.

AMA Radio: scegli la tua musica

Prossimi appuntamenti

« Febbraio 2023 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          

 

Ultimi concerti

ERROR_SERVER_RESPONSE_301