Accedi all'area riservata

Iscriviti alla Newsletter

Partecipa!

AMA music

SENZA MUSICA LA VITA SAREBBE UN ERRORE Friedrich Nietzsche

Lunedì Febbraio 18, 2019
Home  //  Live  //  Jazz  //  Miles Smiles: L'eredità di Miles // Piacenza Jazz Fest
Sabato, 04 Maggio 2013 12:15

Miles Smiles: L'eredità di Miles // Piacenza Jazz Fest

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Miles Smiles // Piacenza Jazz Fest Miles Smiles // Piacenza Jazz Fest

Il progetto Miles Smiles celebra il genio di Miles Davis e nasce da un idea di Wallace Roney, suo pupillo nonché talentuoso trombettista dotato di una sonorità corposa, in possesso di una tecnica che lo accomuna alla precedente generazione di strumentisti più che ai suoi coetanei.

Una cifra stilistica forgiata dall'amicizia con artisti fondamentali quali Dizzy Gillespie, Clark Terry o Miles Davis, a cui è stato spesso accostato con giudizi non troppo lusinghieri, erroneamente accusato, da parte di certa critica, di emulare il trombettista di Alton. La mutevole line-up, frutto di frequenti avvicendamenti (Robben Ford, Omar Hakim, Victor Bailey, Darryl Jones), mantiene inalterata la sua identità di all stars band, avvalendosi di musicisti che direttamente o indirettamente hanno beneficiato dell'influenza di Miles.

Acquisito il nome dall'omonimo disco del 1966, vetrina per l'ultimo leggendario quintetto acustico con Shorter, Hancock, Carter e Williams, il gruppo sonda la produzione posteriore al sopracitato album (quella basata sull'integrazione del verbo elettrico per intenderci) attraverso una manipolazione formale, nel solco di quella urgente necessità di reinventarsi cavalcata caparbiamente da Miles.

 

L'apertura del concerto è affidata alle suggestioni minimaliste di In A Silent Way che scivolano nell'impetuosa Right Off, scossa da pulsioni funky, ben distribuite dalla ritmica muscolosa e tagliente di Alphonse Mouzon incline a scansioni binarie, interrotte dalle cadenze blues nella parte centrale. Solo l'essenziale Footprints proviene dalla scaletta di Miles Smiles, mentre dall'album Tutu è stato estrapolato lo spigoloso funk Splatch,su cui le fughe solistiche si alternano in un tourbillon timbrico.

 

Incontenibile lo swing profuso da Joey DeFrancesco all'Hammond; l'organista ha raccolto l'eredità di Jimmy Smith e Larry Young divenendo una delle figure di riferimento dello strumento. É ancora il blues a farla da padrone in Star People (dall'omonima incisione del 1983) e Don't Stop Me Now, composizione dei Toto contenuta nel loro sesto disco Fahrenheit, che originariamente ospitava la tromba di Miles Davis; lo stesso ha successivamente ripreso il brano nelle sue esibizioni live.

 

La band prende congedo sulle note di Jean-Pierre (da We Want Miles), percorsa da sapori spanish e aggressive irruzioni da parte di Larry Coryell, icona della chitarra moderna, titolare di una prova decisamente improntata ad un estetica di chiara matrice jazz-rock. Wallace Roney è un referente generoso, non monopolizza la scena e non eccede mai in straripanti esibizionismi, dopo i suoi interventi si allontana regolarmente dal palco per lasciare ampio spazio d'azione ai propri musicisti.

 

Purtroppo alcuni problemi tecnici hanno funestato l'esibizione incrinando il naturale fluire della musica, sovente in maniera rovinosa nel bel mezzo degli assoli. Peccato.

Informazioni aggiuntive

  • Artista: Miles Smiles
  • Luogo: Teatro President, Piacenza
  • Data: Mercoledì, 01 Maggio 2013
  • Evento: Piacenza Jazz Fest 2013
Letto 8317 volte
Antonino Di Vita

Profilo: basso.
Onnivoro (rock, jazz, blues, classica, folk, elettronica, funk, soul), nato a Pavia, dove risiede tuttora, ha una formazione musicale trascorsa fra dischi in vinile, audio cassette, riviste specializzate, libri, tablature, pentagrammi e locali fumosi. Chitarrista a livello amatoriale, ha seguito i corsi del CDM (Centro Diffusione Musica) di Pavia per tre anni, proseguendo successivamente da autodidatta nello studio dello strumento. Ha frequentato il Corso di Giornalismo e Critica Musicale organizzato dalla Vanni Editore nel 2010 e sempre nello stesso anno il seminario di Musicologia e Giornalismo Jazz tenuto da Stefano Zenni e Luca Bragalini nell'ambito della rassegna Chietinjazz. Attualmente scrive, oltre che per AMAmusic, anche su Jazzit, Il Turismo Culturale, Intervistando Web TV e collabora con la Jazz Friends Association di Pavia.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

AMA Radio: scegli la tua musica

Prossimi appuntamenti

« Febbraio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      

 

Ultime notizie

Iscriviti alla Newsletter

Ultimi concerti

ERROR_SERVER_RESPONSE_403