AMA music

SENZA MUSICA LA VITA SAREBBE UN ERRORE Friedrich Nietzsche

Mercoledì Aprile 24, 2019
Home  //  Martina Bernareggi
Martina Bernareggi

Martina Bernareggi

Durante gli anni dell'università inizia a lavorare presso una testata locale continuando l'attività giornalistica in ambito musicale e  sportivo come freelance.
Iscritta all'ordine dal 2007 crea il progetto AMA music per dar voce alle realtà locali o parlare dei grandi nomi con il gusto e l'approfondimento che difficilmente si trovano nel web.

Jazz a Bollate 2012  // Bollate jazz meeting

SEDICESIMA EDIZIONE

 

Teatro Splendor
P.zza San Martino 1

Inizio Concerti ore 21.30

 

 

 

 

 

12 Marzo 2012 - Ore 21.30

BOBBY WATSON QUARTET

Jazz Masters

Bobby Watson sax alto
Richard Johnson piano
Curtis Lundy basso
Victor Lews batteria

 

19 Marzo 2012 - Ore 21.30

JEREMY PELT QUINTET

The Talented Mr.Pelt

Jeremy Pelt tromba
J.D. Allen sax tenore
Denny Grissett piano
Dwayne Burno basso

Gerald Cleaver batteria

26 Marzo 2012 - Ore 21.30

ROBERTO GATTO QUINTET

Remembering Shelly

Max Ionata sax tenore
Marco Tamburini tromba
Luca Mannutza piano
Francesco Puglisi basso
Roberto Gatto batteria


Per Informazioni

www.jazzmeeting.it

Ufficio Cultura
Comune di Bollate
02.35005575

Giovedì, 01 Marzo 2012 09:40

Basi per l'album dei GENTE IN COMUNE

Sognando la california

10 ragazze

Dio è morto

Dove si va

Impressioni di settembre

Ho in mente te

la compagnia

Scende la pioggia

Sguardo verso il cielo

Vagabondo

Vento del nord

C'è una strana espressione

C'era un ragazzo

C'è chi dice no

Generale

 

 

 

 

 

 

 

 

jerry bergonzi trio all'Art Blakey di Busto arsizio

JERRY BERGONZI TRIO

 

www.manomanouche.com

Luogo: Art Blakey, Busto Arsizio (VA)
Data: 27 febbraio 2012
Voto: 7,5

 

Jerry Bergonzi - sax tenore

Dave Santoro - contrabbasso

Andrea Michelutti - batteria

 

 

 

Di italiano, a Jerry Bergonzi non resta che il nome: è l'orgoglio americano (concetto così affascinante, forse perchè così estraneo a noi italiani) a trasudare non solo dal look del celebre sassofonista, da quei jeans, T-Shirt e cappellino da baseball che sembrano una divisa nazionale, ma anche e soprattutto dalle parole che accompagnano il brano di apertura. «E' giusto amare un presidente che ama la musica» dichiara, e omaggia Barack Obama dedicandogli il pezzo.

Così prende il volo la serata che vede Bergonzi tornare all'Art Blakey Jazz Club a distanza di dieci anni dalla prima volta; l'occasione è il terzo appuntamento della rassegna JAZZaltro, che cade in concomitanza con l'ultimo concerto della stagione live del club.

Dalla tematica temporale si passa a quella spirituale con il brano successivo, Awake, ispirato al compositore da una parabola su Buddah: l'illuminato, sceso dalla cima della montagna su cui stava meditando da tempo, a chi gli domandava se fosse un un dio, un santo o un alieno, rispondeva semplicemente: «Son desto» (I'm awake, appunto). Sono le vivacissime note del sax tenore a tracciare l'andamento del brano, poi le bacchette di Andrea Michelutti prendono il sopravvento; una battuta di contrabbasso e l'ensemble si riunisce per il finale.

Di sè Jerry Bergonzi dice solo che sfotunatamente non ha mai imparato l'italiano. Ma dei suoi compari di ribalta tesse le lodi definendone metaforicamente le qualità: Michelutti è «l'uomo che ti seguirebbe ovunque, anche in un vicolo oscuro, e che sa sempre darti la cosa di cui hai bisogno al momento più oppurtuno». Dave Santoro è invece il "big man" dietro al contrabbasso, «quello che dirige il traffico o che sta dietro ai fornelli. Insomma, il cuoco».

E, subito dopo, le note di note di Silent Flying iniziano a fluire dal sassofono di Bergonzi, sembrano levitare impalpabili sopra al fruscio delle spazzole, fluttuano ambigue e infine si dissipano sul solo di contrabbasso.  Segue Demolian Mode, altro brano tratto da Three for All.

Il primo set si chiude come si era aperto, con una dedica, questa volta diretta ad un caro amico di Bergonzi, il primo che - ci spiega il sassofonista - ha creduto in lui: You're My Everything.

Protagonista assoluto del rientro in scena è il sassofono tenore: un solo eclettico e variegato permette a Bergonzi di far sfoggio di tutta la maestria strumentale per cui è celebre nel mondo. Tocca a Michelutti l'avvio del pezzo successivo: le bacchette scorrono su tom e rullante, la cordiera inizialmente è assente, e poi inserita per marcare la seconda parte nel solo più frenetica e serrata. La batteria carica e il sassofonista rientra a pieno regime, con un fraseggio e un'intensità interpretativa che provocano l’esaltazione del pubblico.

La ballata successiva serve a ripristinare lo stato di quiete in sala, lo swing spensierato di chiusura a congedare allegramente il pubblico che affollava il club.

jerry bergonzi trio // Art Bllakey Jazz Club, Busto ArsizioLa rassegna JAZZaltro inconta il pubblico Art Blakey Jazz Club in occasione di un importante appuntamento: il concerto del Jerry Bergonzi Trio. Nato a Boston da genitori italo-americani, Bergonzi vanta uno stile che ha riunificato molti dei principali dialetti del tenorismo moderno, oltre ad una genialità compositiva  e maestia stumentale riconosciute da jazzisti di tutto il mondo.

Il suo è in raltà un ritorno sul palco del club di vicolo Carpi (aveva già calcato quel palcoscenico nel 2001): un evento unico che testimonia ancora una volta l'eccezionalità delle scelte artistiche dell'Art Blakey Jazz Club.

LEGGI LA RECENSIONE

Conoscere il jazz 2012 // Stefano Zenni racconta Charles MingusNon aspettatevi di sentirvi raccontare una storiella biografica, non pensate di arrivare a metà di una conferenza di Stefano Zenni e conoscere vita e opere del personaggio di cui parla: è un'illusione che non vi darà mai. Ma, quando avrà finito di parlare, quel personaggio lo sentirete più vicino, quasi fosse un amico che vi ha confidato qualcosa di sè, intimamente. Ed è proprio questo il punto ideale da cui iniziare a conoscerlo.

Nel corso del quarto appuntamento di Conoscere il jazz 2012, Stefano Zenni lascia che sia Charles Mingus a spiegarsi, gli permette di farlo attraverso la sua musica, le note di copertina che lui stesso (o il suo psicanalista!) ha lasciato. Sublime e sottile intermediario tra l’artista e pubblico, Zenni, quando racconta aneddoti, persone o episodi della vita di Mingus, lo fa per aiutarci a comprendere il significato della sua eredità artistica, la sua musica, ciò che in fondo ha voluto lasciarci.

Per questo motivo gli ascolti che Stefano Zenni riesce, per quanto complessi, a rendere accessibili anche ai non addetti ai lavori, sono una componente fondamentale della narrazione, oltre a qul pizzico di ironia che permette di lubrificare il discorso anche nei punti più spessi.

Quarta delle cinque conferenze del ciclo, The Black Saint. Biografia in musica di Charles Mingus tra composizione e improvvisazione denota ancora una volta l'alto livello delle proposte di Bollate Jazz Meeting, che il pubblico sembra apprezzare notevolmente, data la serie di domande sottoposte al relatore dopo due ore di conferenza.

 


APPUNTAMENTO FINALE

Marzo 2012 – Ore 21
Bollate Palazzo Seccoborella (piazza C.A.Dalla Chiesa 30)

GIANNI GUALBERTO

Contaminazioni nella scena musicale e culturale americana

 

Manomanouche Quartet Jazz'Appeal - Melo di Gallarate

MANOMANOUCHE QUARTET

 

www.manomanouche.com

Luogo: Melo, Gallarate (VA)
Data: 21 febbraio 2012
Voto: 8,5

 

Nunzio Barbieri - chitarra

Luca Enipeo - chitarra

Jino Touche - contrabbasso

Massimo Pitziani - fisarmoni

Fantasia tzigana

Le parole non servono: sono i gesti, gli sguardi, le sfumature di colore a guidare le note dei Manomanouche, quartetto zingaro nel tocco e nel piglio, che non sosta nemmeno per il tempo di una canzone.
E’ affidato alla chitarra di Nunzio Barbieri il compito di introdurre il pubblico al gipsy jazz dei Manomanouche Quartet. La base ritmica di contrabbasso e chitarra coglie il momento ed incalza, spingendo la fisarmonica sd impadronirsi della scena; uno stop, un solo di Jino Touche e l’ensamble ripropone il tema principale che porta alla chiusura del primo brano. Il ritmo gitano del pezzo successivo è lo sfondo del solo acrobatico di Barbieri: Massimo Pitziani lo scruta, si compiace e lo segue virtuoso fino allo scrosciare degli applausi.
Segue un tre quarti sostenuto ed arioso, un valzer gipsy-musette su cui la fisarmonica respira e spiega ampiamente le ali: chissà quanti dei presnti si sono sentiti trasportare, per il tempo della canzone, in un’antica brasserie sulle rive della Senna.

Pochissime parole di ringraziamento di Nunzio Barbieri precedono la sognante Manoir des Mes Reves, blanda composizione di Django Reinardth in cui chitarra solista e fisarmonica dialogano, si rincorrono, intrecciano e poi districano armoniosamente.

Prima della pausa ecco il quartetto alle prese con la celebre Minor Swing: prima le due chitarre tacciono, poi entrano in crescendo con un arpeggio ipnotico riproposto subito dopo dalla fisarmonica. Il pezzo si dilunga in una serie di falsi finali, quasi a voler suggerire l’importanza della contaminazione (o l’ascendente rock?) nella musica dei Manomanouche: la sei corde cita con una disinvoltura sconfinante nell'ironia Michelle (Beatles), Babe I’m Gonna Leave You e Stairway To Heaven (Led Zeppelin), Smoke on the Water (Deep Purple), e addirittura la Marcia alla Turca di Mozart, prima di arrendersi al finale.

Il rientro dopo la pausa è inaugurato da un arpeggio ossessivo della chitarra solista, ancora una volta seguita a ruota da un assolo di fisarmonica degno del Volo del calabrone: non è improvvisazione ciò che sta accadendo sul palco del Melo, è di più, un vero e proprio atto creativo guidato da un sottile filo d’intesa. Ancora un pezzo spagnoleggiante che vede Jino Touche esibirsi in un assolo accompagnato esclusivamente dal picchiettare ritmato delle dita degli altri musicisti, e poi a richesta arriva Que Reste-t-il De Nos Amours?, di Charles Trenet; il tempo viene aumentato prima del finale, ancora una volta all’insegna della citazione: canzoni popolari e inni francesi, questa volta. Il concerto termina con Tears, melodia languida, ideale per un congedo.

Il quartetto, nonostante l’indicazione di Barbieri che sottolineava ironico come i bis si possano tranquillamente ascoltare sul CD in vendita, rientra in scena per quel rituale cui - pare - nessuno può sottrarsi. Ecco quindi Bossa Dorado, gli applausi della sala gremita e i Manomanouche che ripongono gli strumenti acustici nelle custodie. Speriamo di incontrarli al più presto durante il loro  girovagare tzigano.

Manomanouches a Jazz'Appeal // Concerto al Melo di GallaratePer il secondo appuntamento del mese di febbraio 2012, martedì 21 alle ore 21.00 in Sala Planet, via Magenta 3 a Gallarate (VA), si esibirà sul palco il Manomanouche Quartet, formazione composta da Nunzio Barbieri (chitarra), Luca Enipeo (chitarra), Massimo Pitzianti (accordion) e Jino Touche (contrabbasso).

Il progetto Manomanouche nasce nel 2001 dall’incontro di musicisti di differente estrazione, con l’intento di far conoscere ad un pubblico più vasto la cultura e la tradizione musicale degli zingari Manouches. Nell’arco di soli tre anni Manomanouche diventa una realtà di riferimento nel panorama Gypsy Jazz, un caso unico per la qualità della ricerca, dell’arrangiamento e per la valenza personale ed emotiva che questo progetto ha per i suoi musicisti. La loro intensa attività concertistica li porta a assumere e consolidare uno stile sempre più personale, ricco di contaminazioni diverse, ma senza mai dimenticare l’essenza, lo spirito che li caratterizza e dal quale traggono ispirazione. La loro proposta artistica è quindi caratterizzata da un originale e personale lavoro di ricerca del suono, degli strumenti e dell’approccio caratteristici dello Swing Manouche.

LEGGI LA RECENSIONE

La musica promossa dall'associazione Ares Onlus - Eventi per il Mondo ci accompagnarci nei primi mesi del 2012 con tre imprtanti appuntamenti al Teatro Galleria di Legnano.

Tullio De Piscopo - Concerto Legnano Ares Onlus - AMAmusic  Giorgio Conte - concerto in galleria a Legnano - ama music  Fabrizio Bosso - Concerto legnano Ares Onlus - AMA music

Di seguito il programma completo

 

Venerdì 24 Febbraio 2012 ore 21:00

Tutti insieme appassionatamente per l’Associazione Onlus ARES con Tullio De Piscopo & Band dal Blues al Jazz con ...Andamento Lento

Mattia Cigalini (sax alto)
G.Luca Silvestri (chitarre)
Fabio Visocchi (tastiere e piano)
Cesare Pizzetti (contrabbasso ed electric bass)
Matteo Mammolo (percussioni)
Tullio De Piscopo (lead voce e drum)

RECENSIONE e GALLERIA FOTOGRAFICA

 

Venerdì 2 Marzo 2012 ore 21:00

Giorgio Conte

Giorgio Conte (voce)
Walter Porro (fisarmonica,pianoforte e coro)
Alberto Parone (batteria, percussioni e vocal bass)

 

Venerdì 9 Marzo 2012

Fabrizio Bosso & Javier Girotto-Latin Mood Vamos Sextet

Fabrizio Bosso (tromba)
Javier Girotto (sassofono)
Natalio Mangialavite (piano)
Luca Bulgarelli (contrabbasso)
Lorenzo Tucci (batteria)
Bruno Marcozzi (percussioni)

 

I Biglietti sono acquistabili in prevendita presso:

 

Rivendita Autorizzata "Matic" via Mazzini Angolo via Cadorna – Busto Garolfo (MI) - prenotazioni telefoniche 199.426.809
Casa del Disco: Piazza del Podestà, 1 - Varese - Tel: +39 0332.232229 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Carù Dischi: Piazza Garibaldi, 6 - Gallarate - Tel: +39 0331.792508 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Disco Stores: Via Felice Cavallotti, 1 - Legnano - Tel: +39 0331.594093 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Libreria Boragno: Via Milano, 4 - Busto Arsizio - Tel: +39 0331.635753 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Oppure attraverso la prevendita Online raggiungibile cliccando sui seguenti link:

Han Bennink a Performances in Bollate - BJM

Nei giorni 5, 6 e 7 marzo 2012 l'associazione Bollate Jazz Meeting ospiterà in città il musicista olandese Han Bennink (classe 1942) uno dei più straordinari improvvisatori del nostro tempo.

Negli anni ’60, suonò al fianco di molti jazzisti americani, come Sonny Rollins, Cecil Taylor, Dexter Gordon e Eric Dolphy. La sua lunga e durevole partnership con Misha Mengelberg è stata una delle più fertili della recente storia musicale. Attraverso gli anni, Bennink è andato sperimentando un esteso equipaggiamento di percussioni.

Verranno programmati in varie location delle azioni performative dell’artista che ha tutte le caratteristiche per suscitare attenzione e stupore nelle persone che vi presenzieranno, costituendo così un traino per la rassegna che avrà inizio la settimana successiva alla sua permanenza. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto Le Anime della Musica, con il sostegno della fondazione Cariplo “Avvicinare nuovo pubblico alla Cultura".

Jazz Boragno Busto ArsizioIl grande jazz torna alla Galleria Boragno: dopo la positiva esperienza di "Musica in cortile", la sala di via Milano 4 torna a ospitare tre appuntamenti musicali aperti a tutti.
Mercoledì 15 febbraio si esibiranno gli "Harp & Harp": Marcella Carboni all'arpa e Max De Aloe all'armonica cromatica. Un duo di nuovissima formazione che unisce due strumenti inusuali nel repertorio jazzistico. Il concerto, a ingresso libero, inizierà alle 21.
I successivi appuntamenti con la rassegna sono fissati per il 14 marzo con l'Elisa Marangon Trio e per il 18 aprile, quando ad esibirsi sarà il duo formato da Max De Aloe e Roberto Olzer.

 

(immagine di Marcella Carboni con Max De Aloe durante un concerto dello scorso dicembre - foto Tonyneutri)

il grande jazz torna alla Galleria Boragno: dopo la positiva esperienza della scorsa estate, quando la libreria bustocca ha organizzato la rassegna all'aperto "Musica in cortile", la sala di via Milano 4 torna a ospitare tre appuntamenti musicali aperti a tutti.
La prima data in calendario è quella di mercoledì 15 febbraio, quando a Busto Arsizio si esibiranno gli "Harp & Harp": Marcella Carboni all'arpa e Max De Aloe all'armonica cromatica. Un duo di nuovissima formazione che unisce due strumenti assolutamente rari nel repertorio jazzistico. Il concerto sarà una grande occasione per ascoltare Marcella Carboni, probabilmente l'unica artista in Italia e tra le poche a livello internazionale a cimentarsi con l'arpa nell'arte improvvisativa. Il concerto, a ingresso libero, inizierà alle 21.
I successivi appuntamenti con la rassegna sono fissati per il 14 marzo con l'Elisa Marangon Trio e per il 18 aprile, quando ad esibirsi sarà il duo formato da Max De Aloe e Roberto Olzer.
In allegato un'immagine di Marcella Carboni con Max De Aloe durante un concerto dello scorso dicembre (foto Tonyneutri).

Ricordiamo inoltre che dal 1° all'11 marzo è in programma a Gallarate il festival di filosofia "Filosofarti": dieci giorni di incontri, cineforum, lezioni e spettacoli all'insegna del pensiero e della cultura. Nell'ambito dell'iniziativa si terrà anche la XXIV edizione del Premio Nazionale Arti Visive "Città di Gallarate". In allegato il programma completo della rassegna.


AMA Radio: scegli la tua musica

Prossimi appuntamenti

« Aprile 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

 

ERROR_SERVER_RESPONSE_403