Accedi all'area riservata

Iscriviti alla Newsletter

Partecipa!

AMA music

SENZA MUSICA LA VITA SAREBBE UN ERRORE Friedrich Nietzsche

Mercoledì Gennaio 23, 2019
Home  //  Martina Bernareggi
Martina Bernareggi

Martina Bernareggi

Durante gli anni dell'università inizia a lavorare presso una testata locale continuando l'attività giornalistica in ambito musicale e  sportivo come freelance.
Iscritta all'ordine dal 2007 crea il progetto AMA music per dar voce alle realtà locali o parlare dei grandi nomi con il gusto e l'approfondimento che difficilmente si trovano nel web.

Mercoledì, 30 Gennaio 2013 17:16

Khali // Alejandro Franov

Tre sono i significati racchiusi nella parola Khali, tre gli strumenti che reggono la sapiente architettura dell'album, tre i continenti esplorati dalla sua musica 

Dall'incontro con la Kandinsky Records nasce il primo album di Angela Kinczly, raffinata polistrumentista e poliglotta cantautrice Bresciana. Il diploma di conservatorio in chitarra lascia la sua traccia già  nel primo brano, Venus: qualche arpeggio su tappeto di grancassa e synth sfocia in un'esplosione elettrica durante il ritornello strumentale.

Mercoledì, 30 Gennaio 2013 17:09

Incantu // Agghiastru

L'apertura è emblematica: L'ncantu è il brano che dà  il nome all'album e ne riassume le peculiarità . Sono poche le canzoni che rompono gli schemi, esplodendo in una ritmica ossessiva (Sangu), rallentando con un racconto ipnotico (Amorte) o recitando su un accompagnamento tribale (La morti)

I testi del cantautore siciliano pescano nella cruda realtà , per evocare immagini astratte e oniriche, una poesia fatta di sensazioni che non manca di trasmettere anche quelle meno gradite. Sintomatico della volontà  di Agghiastru di vincolarsi alla concretezza dell'espressione è, alternato alla lingua italiana, l'uso del vernacolo, idioma schietto e diretto per necessità , ruspante e genuino, legato alla terra, che in essa affonda le radici, come quell'ulivo selvatico (agghiastru per l'appunto) in cui il cantautore si immedesima e che ne riassume metaforicamente le intenzioni.

Spicca tra i brani una notevole predisposizione all'armonia che supera senza dubbio la facilità  melodica: accattivanti i giri di accordi impreziositi dagli arrangiamenti di pianoforte, ma la linea del cantato sembra volersi subordinare al contesto e si concentra sui testi per diventare a volte un ridondante recitativo.

Tra i brani migliori dell'album, oltre alla già  citata L'incantu, bisogna annoverare Ferru e focu, unica assieme a La stanza ad essere cantata in italiano; Paria, con l'iniziale carillon che si trasforma in un riff d'effetto; Suli, che si sviluppa su un uggioso giro armonico di chitarra acustica per aprirsi sul ritornello come una nube che lascia filtrare un raggio di luce.

Mercoledì, 30 Gennaio 2013 17:04

Structure & Cosmetics // The Brunettes

I neozelandesi Heather Mansfield e Jonathan Bree sono al debutto con l'etichetta Sub Pop per il loro quarto lavoro, una sequenza di 9 brani che trasmette fin dal primo ascolto un'acquisita consapevolezza del duo.

Un synth scandisce quattro accordi iterati per l'intera durata della traccia d'apertura; parallelamente un coro compita le quattro lettere di B-a-b-y. E' il ritornello volutamente semplice, quasi infantile, di Brunettes Against Bubblegum Youth, un omaggio alla spensieratezza anni sessanta.

Se il gioco del doppio già  ricorrente nei titoli dei Brunettes fin dai primi album (Holding Hands, Feeding Ducks, Mars Loves Venus), viene enfatizzato in Structure and Cosmetics e diventa esplicito nel secondo brano Stereo (Mono Mono), probabilmente il migliore dell'album. Il concetto spiegato nel testo è qui reso anche musicalmente: per prima cosa si delinea la traccia mono della voce femminile, poi quella maschile, infine avviene l'incontro delle due linee vocali che danno vita alla traccia stereo. Bello lo stacco alla Honey Pie marcato dall'ingresso della batteria.

Heather canta l'eterea Her Hairagami Set, Credit Card Mail Order è invece un lento riflessivo interpretato da Jonathan, mentre in Obligatory Road Song le due voci si alternano e fondono su una base di chitarra, piano rhodes e batteria.

D'impatto e molto articolata If You Were Alien: sol levante nella scala iniziale e nel timbro di lei, elaborate costruzioni e stacchi rigorosi per il resto del pezzo. Influenza geograficamente opposta sottende il brano Wall Poster Starl: il vibrato della chitarra è un assaggio dell'atmosfera western che avvolge Structure and Cosmetics, l'eponoma canzone di chiusura che scioglie ogni dubbio circa l'eclettismo dei Brunettes.

Lunedì, 30 Novembre -0001 00:00

Soldati // Andrea Parodi

La lezione dei cantautori nostrani è stata assorbita e metabolizzata da Andrea Parodi, che non si limita a rimaneggiare la più tradizionale canzone d'autore, ma dissemina lungo i 16 brani dell'album indizi di tradizioni, culture e generi ricercati in luoghi e tempi lontani. Storie e persone sono dipinte dal giovane cantautore con un occhio cinematografico: impossibile non percepire la dichiarazione d'intenti nel brano iniziale, quel Pane, arance e fortuna che ricalca, se non altro nell'assonanza, il celebre titolo di Comencini.

Yuri è il primo protagonista che incontriamo, un soldato, che Andrea Parodi ci racconta sbalzandoci nei primi anni '70 a colpi di hammond. I soldati sono soli, le guerre non uniscono, scindono e isolano. Parodi ce lo spiega trascinandoci nel Fiume solitario che dà  il nome al secondo brano: un tuffo oltreoceano con chitarra spagnola e ritmo latino per la storia di un ideale di anarchia. La ricerca della solitudine diventa paura della stessa nelle parole di denuncia di Per non sentirsi soli, uno dei brani più impegnati dell'album, un crescendo di musica e concitazione che si stempera nel finale assolo di saxofono. I Sussurri e grida del brano successivo sono quelli di un soldato al fronte: Parodi entra nel vivo della tematica e conclude la canzone citando la celeberrima poesia di Ungaretti: Si sta come d'autunno, sugli alberi le foglie.

La rockeggiante e spiritosa Quando Maria non c'era spezza l'aulicità  del momento e dà  il via ad una serie di canzoni dedicate a personaggi femminili: oltre a Maria, Andrea Parodi ci presenta Rosa, madre di famiglia, Lolita, prostituta di New Orleans, Anna, giovane che si smarrisce a Milano e, figura chiave dell'album, Tania la guerrigliera, protagonista dell'omonima canzone. Tania, morta in un'imboscata a 29 anni, musicista e antropologa, è l'unica donna ad essersi unita alla spedizione boliviana guidata dal Che. Parodi le rende omaggio duettando con Suni Paz: le voci si alternano e sovrappongono su una base di pianoforte, chitarra e percussioni, amalgamandosi al suono della tromba.

Se il debito nei confronti di De Andrè non passa inosservato fino a questo punto, con Tresenda 43 diventa quasi citazione; ancora una canzone in cui la tematica bellica è esplorata tramite personaggi "in carne ed ossa", quotidianità  e vita vissuta.

Il brano che chiude l'album è una ballata chitarra, voce e violino dedicata al nonno del cantautore che assurge al ruolo di spirito guida, un soldato che veglia sulla vita e l'arte del nipote.

Mercoledì, 30 Gennaio 2013 08:00

Royal Cuba :: Good Vibrations

Gendrickson Mena (trumpet, flugehorn)//Leonardo Gobin (trombone)//Maurizio Carugno (tenor sax)//Andrea Pollione (piano)//Juan Carlos Calderin (drums)//Valter Rebatta (congas)//Eduardo Cespedes (bass, vocal, arrangements)

Mantenendo fede alla propria filosofia hic et nunc, anche questo La, Sol, Fa, Sol, Sol Rey dei Royal Cuba, come le precedenti pubblicazioni della Idos Records, è inciso rigorosamente dal vivo, testimonianza di un concerto tenutosi al Barrio's Cafè di Milano nell'aprile 2006. Formazione meticcia dedita al latin jazz (e dintorni), promulgatrice di un'arguta miscela cubano/americana dalla comune matrice afro. Va precisato che la musica dei Royal Cuba non è la solita proposta edulcorata da weekend in discoteca o da scuola di ballo latinoamericana, pur se in possesso di tutti quei requisiti necessari per far muovere ogni singolo muscolo, ma un proficuo gemellaggio fra universo afrocubano e jazz, screziato da flessioni blues e funk. Un mood debitore di quella radice atavica, dalla natura percussiva, alla base di ogni linguaggio musicale di derivazione africana; a fronte di questa premessa la propulsione ritmica diviene fondamentale e imprescindibile, influendo sulla pratica compositiva.

L'effervescente funky-latin La Mulata, biglietto da visita del collettivo, mette in evidenza l'ottimo lavoro in fase d'arrangiamento di Cespedes (incalzante l'orchestrazione dei fiati); le stesse pulsioni funk sottotitolano la rivisitazione dal sapore r&b del classico di Compay Segundo, alias Francisco Repilado, Descarga Chan Chan, avvolta in raffinate armonizzazioni (nonché citazioni) jazz del piano e marcata dalla voce di Cespedes, depositaria inoltre di un breve proto scat. La titletrack è un blues sinuoso dall'incedere lento e inesorabile, a cui sfuggono sussulti destabilizzanti che ne alterano il costante fluire.

Cuadro Negro recupera quei valori ancestrali collegati a religioni come la Santeria, dove l'ipnotico progredire del ritmo è fonte di tribalismi afrocentrici associati, in questo caso, a sviluppi armonici di stampo moderno. Le sette tracce del disco vedono l'apporto equanime dei musicisti epurato da protagonismi solistici, finalizzato ad un risultato complessivo lastricato di improvvisazioni contenute ma galvanizzanti come quelle presenti su Asi, elegante bossa nova a firma Gendrickson Mena.

Unico neo, alcune anomalie dinamiche nella ripresa audio che penalizzano in parte l'ascolto dimezzandone l'impatto sonoro, anche se traspare distintamente l'energia, il forte affiatamento e la componente giocosa emerse durante l'esibizione. Custodi dei fondamenti della musica afrocubana, i Royal Cuba rigenerano la tradizione attualizzandone il linguaggio, in una stimolante esposizione dalle fattezze contemporanee.

La Mulata // You Sou // La, Sol, Fa, Sol, Sol Rey // Asi // Chush// Cuadro Negro // Descarga Chan Chan

Lunedì, 28 Gennaio 2013 15:12

VERDI dal Palcoscenico alla vita

Sabato 25 gennaio alle ore 21l'Auditorium A. Paccagnini di Castano Primo (MI) ospiterà un concerto lirico con introduzione all'ascolto e videoproiezioni sulle ambientazioni dei melodrammi per rendere omaggio e per celebrare il bicentenario della nascita del Cigno di Busseto. La storia delle sue grandi creazioni musicali e di un secolo di vita italiana, cantate e raccontate da un eccellente trio vocale, accompagnato al pianoforte da Angiolina Sensale.

Raffaella Battistini soprano
Mauro Pagano tenore
Ştefan Ignat baritono
Angiolina Sensale pianoforte

Biglietto €. 12,00 - ridotto €. 10,00 

Info e prenotazioni:

Auditorium A.Paccagnini piazza xxv Aprile (via Magenta)
tel.3484020648 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.auditoriumpaccagnini.it

Martedì, 04 Dicembre 2012 10:47

Novara Jazz Winter 2012-13 - Terza Edizione

Il biglietto di ingresso a ogni concerto sarà in vendita presso la location al prezzo di 15 euro.

 

Per maggiori info:

Serena Galasso - Ufficio Stampa: + 39 339 4577226
Marco Scotti- Ufficio Stampa: +39 340 3411099
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Auditorium A. Paccagnini Castano Primo - Stagione Teatrale 2012 2013Sabato 1 dicembre 2012 si apre la stagione di eventi artistici dell'Auditorium A.Paccagnini di Castano Primo, che sull'onda dei consensi ottenuti con la passata stagione teatrale propone anche quest'anno un cartellone artistico di qualità con eventi di danza, musica leggera, lirica e canzone d'autore, cabaret, teatro di prosa e per i ragazzi.

Scarica la locandina

PROGRAMMA

 1.12.12
PINK FLOYD TRIBUTE                                  
intero € 12,00 - ridotto    € 10,00

15.12.12
NATALE IN CASA CUPIELLO 
intero € 12,00 - ridotto  €  10,00       

25.01.13
GIUSEPPE VERDI                                           
intero €  12,00 - ridotto  €  10,00

8.02.13
BOLERO                                                                
intero €  15,00 - ridotto   € 12,00

28.02.13
ANGELA FINOCCHIARO                            
intero €  15,00 - ridotto  €  12,00

9.03.13
MARCO FERRADINI                                        
intero €  12,00 - ridotto  €  10,00

21.03.13
DEBORA VILLA                                               
intero €  12,00 - ridotto  € 10,00

 

Riduzione prevista per giovani sino a 26 anni - over 65 anni - Gruppi organizzati min.15 persone.

 

ABBONAMENTI e BIGLIETTI

Abbonamento posto fisso per 7 spettacoli in stagione  € 70,00. Gli abbonati hanno  diritto al posto fisso per gli spettacoli fuori abbonamento per le proiezioni cinematografiche beneficeranno del biglietto ridotto.

Carlo Uboldi - pianoforte / Antonio Cervellino - contrabbasso / Marco Caputo - batteria

Quando il pubblico è raccolto dietro ai tavolini di un club si crea, con i musicisti, un rapporto intimo, colloquiale, che fa la differenza durante l’esperienza di un concerto jazz. Specialmente se il leader della formazione, dotato di uno spiccato senso dello humor, sa venare un’impeccabile performance con momenti ilari e giocosi.

AMA Radio: scegli la tua musica

Prossimi appuntamenti

« Gennaio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

 

Iscriviti alla Newsletter

ERROR_SERVER_RESPONSE_403